Salvini si smarca da tutto. Sconfessa il Recovery e parte l’affondo contro Draghi, Letta e Giorgetti. “Ce ne sono altre di personalità valide…”

Lettura 1 min

I soldi del Recovery “non sono un gentile omaggio. Per la maggior parte sono prestiti. L’Europa, dopo anni di austerita’, non ce li regala. Sono soldi in prestito, che verranno restituiti con interessi entro il 2056”. Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, nel corso dell’evento “Rinascita Italia: the young hope”. Commentando l’ipotesi che senza Draghi a palazzo Chigi, le risorse potrebbero essere sprecate, Salvini ha affermato: “Mario Draghi e’ una grande personalita’, pero’ penso che in Italia abbondino imprenditori” e personalita’ valide. “I popoli che hanno bisogno di eroi, hanno qualche problema”, ha aggiunto. 

Infine un colpo a Letta ma in particolare a Giorgetti, parlandone come di un estraneo. “Draghi al Quirinale? Chiedetelo a lui. Secondo me e’ di pessimo gusto tirare per la giacchetta Draghi o Mattarella. A me basta che non vada Prodi. Ce ne occuperemo a febbraio. Io fossi in Draghi sarei irritato: Letta mi mette qua, Giorgetti mi mette la’. Stavolta pero’ il centrodestra c’e’, dei 1009 abbiamo quasi il 50%, se vorranno chiederci qualcosa siamo disponibili…”.

Servizio Precedente

Confindustria lombarda, il cremasco Buzzella nuovo presidente

Prossimo Servizio

RECIDIVA - A Latina il Capitano chiede applausi per Durigon. "Impresentabili solo a sinistra"

Ultime notizie su Cronaca