Salvini, “due dei commercialisti arrestati che conosco sono onesti. Anche Siri innocente. Contro me processi politici”

Lettura 1 min

Il segretario della Lega prende la parola e prende le difese di due delle tre persone agli arresti domiciliari (più una quarta in rapporti di parentela con un indagato) da ieri nell’ambito dell’inchiesta sulla compravendita di un immobile e su altri filoni legati ai fondi Lega.

“Siamo tranquillissimi .- ha detto Salvini -, da anni cercano soldi in Russia, in Svizzera, a San Marino, in Lussemburgo, Liechtenstein, ma non ci sono. Conosco due delle tre persone, sono persone oneste, corrette e quindi dubito che abbiano chiesto o fatto qualcosa di sbagliato. Pero’, ho piena fiducia nella magistratura “. Matteo Salvini a ‘Radio anch’io’ su Radio Rai 1, rispondendo a una domanda sull’inchiesta sulla Film commission Lombardia che ha coinvolto 3 commercialisti vicini alla Lega, ora agli arresti domiciliari. E ha continuato: “Io stesso vado a processo e sara’ un processo politico. La Lega i soldi che prende, li prende per le donazioni degli italiani, non andiamo a chiedere soldi ai russi, ai film… ma rispetto tutti e siamo tranquilli”. E infine: “Conto che si risolvera’ in nulla. Lei si ricorda del senatore Siri, per mesi sui giornali come la persona piu’ cattiva e truffaldina del mondo? Ne ha piu’ sentito parlare? No, perche’ non ha fatto niente”.

Servizio Precedente

Enac, perché il governo vuole privatizzare il controllo dei cieli?

Default thumbnail
Prossimo Servizio

Voragine occupazionale. Istat, 840mila occupati in meno