Referendum. Zingaretti: “Vogliamo un sì per combattere”. Ma quale esercito vorrebbe il 37% in meno dei suoi uomini?

Lettura 1 min

di Riccardo Rocchesso – “Vogliamo un Sì per combattere.” Queste alcune delle parole dette oggi da Nicola Zingaretti, presente insieme a De Luca a Salerno per supportare la rielezione del presidente della Campania.
Ma combattere chi, precisamente?

Zingaretti si immola per la sua “battaglia” per il sì con le seguenti parole:
Il nostro è un sì per combattere e per cambiare. Non è vero, non ci credo che il tema è la democrazia, che è in gioco la democrazia”.
“In democrazia bisogna combattere
” – ha aggiunto Zingaretti – e noi vogliamo un sì per combattere e per cambiare. Non è in gioco la democrazia, anche perché l’abbiamo scritto nel programma ad agosto 2019, un anno fa, e stavano tutti zitti quando l’abbiamo scritto. Il sì è l’inizio per cambiare e per fare le riforme, abbiamo combattuto e ora anche il cantiere delle riforme costituzionali sta andando avanti“.

Ma quale esercito vorrebbe tagliare il 37% dei propri uomini, se fosse, davvero, davanti ad una battaglia come dichiara il segretario del Partito Democratico?

Servizio Precedente

Operazione Irini blocca nave sospetta diretta in Libia

Prossimo Servizio

Eutanasia, 1000 richieste all'associazione Coscioni