Rauti, FdI: no a proroga stato emergenza, da governo sanatoria di atti abusivi

Lettura 2 min

La senatrice di Fratelli d’Italia Isabella Rauti, capogruppo in commissione Difesa a palazzo Madama, segnala che “nella seduta di oggi della commissione Difesa, Fratelli d’Italia ha votato contro il disegno di legge 1970 contenente la proroga delle misure di contrasto al Covid-19, ovvero lo stato di emergenza epidemiologica fino al gennaio 2021. Abbiamo motivato la nostra contrarieta’ al parere favorevole espresso in commissione dal relatore Mininno – spiega la parlamentare in una nota -, sollevando obiezioni di merito e di metodo. In primo luogo sulla tempistica imposta ormai dal governo al Parlamento e alle commissioni, che si ritrovano costretti all’approvazione ex-post dei provvedimenti, una sorta di ‘sanatoria’ di atti abusivi; inoltre, la nostra Costituzione non prevede lo stato di emergenza, ma quello di urgenza che consente di intervenire e fronteggiare le emergenze attraverso atti necessari e celeri. Insomma, il modo di procedere dell’esecutivo e’ inquietante”.

L’esponente di Fd’I, poi, prosegue: “Siamo di fronte al governo piu’ opaco e meno trasparente della storia, che vuole la proroga dello stato d’emergenza senza scomodarsi troppo a spiegare agli italiani le decisioni del Comitato tecnico-scientifico, rifiutando la desecretazione completa dei verbali e senza fornire uno studio serio e certificato che giustifichi tale reiterato provvedimento cosi’ altamente impattante sulla vita dei cittadini e sull’economia nazionale. Il governo, che e’ bene ricordare tra il 13 ed il 18 ottobre scorso ha emanato ben due dpcm, ha il dovere politico e morale di entrare nel merito e spiegare agli italiani qual e’ la reale situazione. Anche per fugare il sospetto – conclude la senatrice – che questo metodo prepotente e arrogante sia una delle strategie del governo per tenere sotto scacco il popolo italiano e coprire i litigi all’interno della maggioranza”.

Servizio Precedente

Focolaio al Sacco, chiusa cardiologia già da una settimana

Prossimo Servizio

Bolsonaro non si fida del vaccino cinese: qualsiasi vaccino arriverà in Brasile prima verrà testato dai nostri esperti