Puigdemont, l’Ue come Pilato. Il sottosegretario Gabrielli: l’Italia è l’Italia, non abbiamo ignorato mandato d’arresto

24 Settembre 2021
Lettura 1 min

Sull’arresto dellex presidente della Catalogna ed europarlamentare, Carles PUIGDEMONT, posso solo dire che questa è una questione giudiziaria e noi rispettiamo l’indipendenza della giustizia. Così un portavoce della Commissione Ue, rispondendo ai giornalisti durante il punto stampa quotidiano a Bruxelles.

 “C’e’ un mandato di arresto europeo. Stiamo nella comunita’ europea . E lo dobbiamo eseguire. I francesi fanno i francesi e noi facciamo gli italiani. Peraltro, c’e’ stato questo controllo in frontiera, e’ stato messo nella disponibilita’ dell’autorita’ giudiziaria. Viviamo in uno stato di diritto. E’ ovvio che sono delle situazioni che magari, tutto sommato, preferiremmo non trattare mai, pero’ nemmeno possiamo sottrarci perche’ nel nostro Paese vige ancora un diritto”: lo ha detto Franco Gabrielli, sottosegretario di Stato, commentando l’arresto dell’ex presidente della Catalogna, Carles Puigdemont. Il sottosegretario ha conversato con i cronisti da Bologna a margine di “Futura”, la tre giorni organizzata dalla Cgil. “Io sottolineo che anche in questa vicenda ci stiamo attenendo alle procedure di questo Paese” ha concluso Gabrielli. 

 Il legale dell’ex presidente catalano Carles Puigdemont, Gonzalo Boye, ha dichiarato che oggi stesso presenterà al Tribunale generale dell’Unione europea la richiesta per il ripristino dell’immunità parlamentare. Lo ha detto in conferenza stampa, secondo quanto riferito da La Vanguardia. Puigdemont è stato arrestato ieri sera in Sardegna

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

ITALIA GENIALE – Arresto Puigdemont, ora è crisi diplomatica

Prossimo Servizio

Cecchetti (Lega): Grave il fermo per ragioni politiche di Puigdemont

Ultime notizie su Cronaca

Caso Vannacci, la Lega: Giustizia a orologeria

“E’ motivo di orgoglio che un coraggioso servitore della Patria come Roberto Vannacci venga accostato alla Lega”, si legge in una nota del partito. “L’indagine a suo carico conferma il nervosismo di chi teme il
TornaSu

Don't Miss