Più tasse per tutti. Aumenti fino a 2.435 euro a famiglia. L’inflazione ingrassa l’Iva. La “gabola” del pedaggio al casello Milano-Nord o Tangenziale ovest

Lettura 1 min

di Cassandra – Difficile vedere il bicchiere mezzo pieno. Luce, gas in testa, le bollette restano la croce del 2023, ma cresce tutto in base all’inflazione, all’aumento del costo del denaro e grazie proprio all’inflazione, che ci guadagna è lo Stato, con l’Iva che si applica su prezzi base più alti. In compenso le accise sui carburanti tornano a tuonare come e peggio di prima. Il Codacons ha calcolato che nel 2023, ad oggi, gli aumenti previsti per famiglia sono pari a 2435 euro. Pedaggi autostradali compresi, ovviamente in particolare dalle parti di Milano, dove i pendolari alla barriera Milano Nord, chissà perché, sono tra i pochi in Italia a vedere aumentato il prezzo del pedaggio, da 1,70 a 1,80 euro.

Ma, attenzione. Non tutti sanno che prima al bivio del casello si può prendere la tangenziale ovest. In quel caso il passaggio è di 3,60 euro, Se si procede diritti alla barriera Milano Nord la tariffa è di 1,70 e poco dopo svoltando a destra direzione Gallaratese o Fiera Milano ci si ricongiunge con la tangenziale ovest senza aver speso lo sproposito di gabella da 3,60 euro. Lo sapevate? Magra consolazione, solo al Nord per andare a lavorare ci svuotano il salvadanaio.

Servizio Precedente

Ma perché la ruspa di Matteo ha tolto di mezzo lo sconto sulle accise?

Prossimo Servizio

Il Natale secondo Benedetto XVI, diverso anni luce da una “favola per bambini”

Ultime notizie su Cronaca