Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

21 Maggio 2024
Lettura 1 min

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della Fondazione chiamata a gestire l’evento MILANO – CORTINA 2026. E’ questo il perimetro dell’inchiesta, su corruzione e turbativa d’asta, della procura di MILANO che ha portato a indagare l’ex ad di MILANO CORTINA, Vincenzo Novari, l’ex dirigente Massimiliano Zuco e l’imprenditore Luca Tomassini.

Mattinata oggi quindi di perquisizioni e ispezioni di sistemi informatici nelle sedi della Fondazione e di una società a Orvieto alla quale sono assegnati i servizi digitali per l’evento sportivo: a effettuarle il nucleo di Polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza su incarico della Procura di MILANO , che ha aperto un’inchiesta per corruzione e turbativa d’asta a carico di tre persone, fra cui l’ex amministratore delegato di MILANO – CORTINA Vincenzo Novari.

“Gli accertamenti in corso – ha fatto sapere il pro. curatore Marcello Viola – hanno ad oggetto anche le procedure adottate per la scelta dei fornitori e degli sponsor tecnologici nonché per l’assunzione di dipendenti della Fondazione: in proposito è stata disposta l’acquisizione dei relativi atti e documenti nonché l’audizione di alcuni dipendenti della Fondazione stessa nella qualità di persone informate sui fatti”. “Il management del Comitato Organizzatore dei Giochi Olimpici e Paralimpici ha prestato massimo supporto e piena collaborazione alle Forze dell’Ordine. Nessun dirigente o dipendente attuale della Fondazione risulta indagato”, fanno sapere dalla stessa Fondazione.

 “Ovviamente c’è massima disponibilità nel fornire tutte le carte, tutti i documenti, gli attestati – ha commentato Giovanni Malagò, numero uno del Coni ma anche presidente della Fondazione MILANO – CORTINA – Ancora una volta, fermo restando la speranza sulla bontà dell’operato, la garanzia dell’innocenza e della trasparenza, lo sport in termini di immagine è vittima di tutto questo”. “La Guardia di Finanza fa un lavoro egregio e ha il nostro sostegno – le parole del ministro dello Sport, Andrea Abodi – La Fondazione deve essere ed è una casa di vetro e chiunque voglia guardarci dentro deve trovare risposte sulla trasparenza e sui comportamenti gestionali” . L’inchiesta, ad ogni modo, non influenzerà l’andamento dei lavori per i Giochi, “anche perché – fanno sapere fonti del Mit – riguardano la Fondazione che non ha ruoli operativi sulla realizzazione delle opere, che è invece compito della società Simico” . 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Ma sono seri? Torna il redditometro. La Repubblica del reddito presunto

Prossimo Servizio

Il governo, redditometro atto dovuto

Ultime notizie su Cronaca

TornaSu