Paura del Covid. Fuga dai seggi in tutta Italia: Caporetto di scrutatori e presidenti che danno forfait

Lettura 3 min

Cronache dall’Italia che ha paura del Covid.

FIRENZE

A Firenze hanno rinunciato 110 presidenti di seggio -nominati dalla Corte di Appello per le elezioni di domenica e lunedi’ – su un totale di 360. Tutti i presidenti sono stati sostituiti. Sul dato delle rinunce, ufficialmente per ‘indisponibilita”, potrebbe aver pesato la paura del contagio legato al Covid: alle ultime elezioni regionali la percentuale di rinunce era piu’ bassa, intorno al 25%. Per quanto riguarda gli scrutatori le rinunce sono state 730 su 1470 persone: anche in questo caso e’ un dato piu’ alto rispetto a cinque anni fa, quando rinuncio’ un terzo degli scrutatori. Gia’ sostituiti anche gli scrutatori secondo quanto spiegato. Una volta ricevuta la nomina sia i presidenti di seggio che gli scrutatori, in caso di assenza, devono dare comunicazione per non andare incontro a sanzioni penali.

LA SPEZIA E SAVONA

Il problema delle rinunce di scrutatori e presidenti riguarda tutta la Liguria. Anche a Spezia l’ufficio elettorale del Comune deve rimpiazzare almeno 20 presidenti di seggio che, dicono le fonti “hanno presentato certificati medici con cause le piu’ disparate”. Dal Comune di Savona fanno sapere che piu’ della meta’ degli scrutatori ha dato forfait (sono per adesso 244 distribuiti tra i 61 seggi cittadini) e che si lavora “per rimpiazzare alcuni presidenti di seggio” .

GENOVA

A causa delle molte rinunce dell’ultimo minuto, probabilmente a causa dei timori legati al Covid, il Comune di Genova ha lanciato una call attraverso i social network (Facebook) per trovare scrutatori e presidenti di seggio in vista del voto. A oggi il Comune ha contato 855 rinunce rispetto al numero totale di 2.644 scrutatori. Da Tursi spiegano che gli scrutatori mancanti non hanno mai ritirato la nomina. il problema non riguarda i seggi mobili Covid ma parte dei 653 standard e il voto non e’ a rischio. Se non si dovessero trovare scrutatori e presidenti la soluzione per il Comune sarebbe quella di assumere degli interinali per coprire determinati servizi e spostare cosi’ alcuni impiegati comunali sui seggi. La situazione non e’ ancora definita e la direzione dei servizi elettorali e’ al lavoro per completare i seggi. 

BARI

A Bari ha rinunciato il 67% dei presidenti di seggio nominati dalla Corte di Appello per le elezioni di domenica e lunedi’ (228 persone) e il 100% di quelli nominati per i seggi Covid. Il dato record di rinunce, ufficialmente per ‘indisponibilta” ma probabilmente per la paura del contagio, supera la media fisiologica delle rinunce che, alle ultime elezioni regionali era del 40%. Al momento sono stati sostituiti con le riserve 203 presidenti. 

IMPERIA

Sono 114 su 180 gli scrutatori che il Comune di Imperia sta provvedendo a sostituire a causa delle rinunce arrivate in queste ore all’ufficio elettorale principalmente per paura di contrarre il Covid durante le operazioni di voto e di spoglio. La maggior parte di questi e’ gia’ stata sostituita.

Servizio Precedente

Qualunquemente. Giorgia Meloni posa davanti al poster satirico su Emiliano

Prossimo Servizio

Zaia non si presenta ancora. Forfait all'ultimo incontro con gli altri candidati su Rai3