Openpolis: Le cose che non tornano nelle dichiarazioni del governo sul Pnrr

31 Marzo 2023
Lettura 1 min

Lo studio della Fondazione Openpolis sull’attuazione del Pnrr farebbe emergere contraddizioni e criticità di un certo rilievo. Leggiamo infatti che “Da qualche giorno è al centro del dibattito pubblico un comunicato emanato dal governo riguardante il piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). Nella nota si afferma che la commissione europea ha deciso di prendersi del tempo ulteriore per valutare l’operato del nostro paese riguardo al rispetto delle scadenze del Pnrr per il secondo semestre del 2022. Una verifica da cui dipende l’invio della terza tranche di finanziamento pari a 19 miliardi di euro”.

Ma cosa non torna agli studiosi della Fondazione?

“Questa decisione rappresenta una novità rispetto ai precedenti processi di verifica sul Pnrr italiano e il rischio di una battuta d’arresto. Un prolungamento delle indagini infatti non era stato richiesto nei semestri precedenti, né per la prima rata né per la seconda. Abbiamo ricostruito punto per punto i passaggi principali delle dichiarazioni di palazzo Chigi in questi ultimi giorni, per spiegarne le contraddizioni e gli aspetti più problematici legati alla realizzazione del piano”.

Qui il report completo: https://www.openpolis.it/le-dichiarazioni-del-governo-sul-pnrr-non-sono-verosimili/?utm_source=Newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=pnrr

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

ChatGPT, il garante blocca per raccolta illecita dati privacy

Prossimo Servizio

Il tramonto di Biassono, il risveglio di Torino

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu

Don't Miss