Omicidio Cucchi. Da Cassazione 12 anni per Di Bernardo e D’Alessandro. Processo bis (rischio prescrizione?) per falso per Mandolini e Tedesco

4 Aprile 2022
Lettura 1 min

Ridotta in Cassazione a 12 anni di carcere la pena per i due carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro ritenuti colpevoli dell’omicidio preterintenzionale di Stefano Cucchi. Il giovane venne pestato dopo l’arresto avvenuto il 15 ottobre 2009 e mori’ sette giorni dopo per le ferite riportate. La condanna arriva dopo sei ore di Camera di Consiglio. L’appello aveva condannato i due a 13 anni di carcere. Rinviato in appello le posizioni degli altri due carabinieri accusati di falso, il maresciallo Roberto Mandolini e Francesco Tedesco, gia’ condannati in appello rispettivamente a 4 anni e a due anni e sei mesi.

Per questo reato però il rischio di prescrizione è imminente, a maggio.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

LA GERMANIA NON PUO’ RINUNCIARE AL GAS DI PUTIN

Prossimo Servizio

Frutta e verdura inavvicinabili: più 67%

Ultime notizie su Cronaca

L’ipotesi del guasto nel down di Microsoft

A proposito del caos informatico che si sta verificando a livello globale – con utenti di Microsoft che non riescono ad accedere a diverse app e servizi, con effetti su trasporti banche e comunicazioni
TornaSu

Don't Miss