Nas su Guardie mediche, Ugl: Scenario raccapricciante

Lettura 2 min

“Le falle che stanno affondando la barca del SSN riguardano anche le Guardie Mediche. Le ispezioni effettuate nei giorni scorsi dai Nas propongono uno scenario a dir poco raccapricciante”. Lo afferma in una nota il segretario nazionale UGL Salute, Gianluca Giuliano. “Su 390 presidi pubblici di Continuita’ Assistenziale finiti sotto osservazione – prosegue il sindacalista – sono ben 99 quelli che hanno mostrato carenze rilevanti. I Nas hanno ravvisato in 3 casi su 4 problematiche igienico sanitarie, tecnologiche, organizzative e strutturali, dovute ad ambienti interessati da muffe ed umidita’, mancanza di vie di fuga, locali privi di accesso per persone disabili e servizi igienici non funzionanti o non distinti per operatori e utenti. In altre strutture e’ stata contestata l’assenza di protocolli preventivi per il contenimento della pandemia e la mancanza di dispositivi di protezione individuale. Sono state rilevate anche problematiche relative alla sicurezza personale degli operatori sanitari a causa della mancanza di servizi di vigilanza, di sistemi d’allarme o di videosorveglianza e di sistemi di protezione passiva, come inferriate o porte blindate, esponendo cosi’ i lavoratori al rischio di aggressione”.

“Le falle che stanno affondando la barca del SSN riguardano anche le Guardie Mediche. Le ispezioni effettuate nei giorni scorsi dai Nas propongono uno scenario a dir poco raccapricciante”. Lo afferma in una nota il segretario nazionale UGL Salute, Gianluca Giuliano. “Su 390 presidi pubblici di Continuita’ Assistenziale finiti sotto osservazione – prosegue il sindacalista – sono ben 99 quelli che hanno mostrato carenze rilevanti. I Nas hanno ravvisato in 3 casi su 4 problematiche igienico sanitarie, tecnologiche, organizzative e strutturali, dovute ad ambienti interessati da muffe ed umidita’, mancanza di vie di fuga, locali privi di accesso per persone disabili e servizi igienici non funzionanti o non distinti per operatori e utenti. In altre strutture e’ stata contestata l’assenza di protocolli preventivi per il contenimento della pandemia e la mancanza di dispositivi di protezione individuale. Sono state rilevate anche problematiche relative alla sicurezza personale degli operatori sanitari a causa della mancanza di servizi di vigilanza, di sistemi d’allarme o di videosorveglianza e di sistemi di protezione passiva, come inferriate o porte blindate, esponendo cosi’ i lavoratori al rischio di aggressione”.

Servizio Precedente

Meloni: Rimuovere Arcuri. Voglio trasparenza su atti del Comitato tecnico scientifico nominato da Conte

Prossimo Servizio

Sciopero alla Henkel. Como perde 150 lavoratori. L'azienda sposta produzione a Frosinone: "Due stabilimenti in Italia non più sostenibili"

Ultime notizie su Cronaca