NAS sequestrano 363 cartelle di pazienti morti nelle RSA di Como. Ipotizzati reati di omicidio colposo ed epidemia colposa

/
Lettura 1 min

di Riccardo Rocchesso – Blitz dei Nas a Como, sono ben 363 le cartelle di pazienti deceduti per Coronavirus sequestrate dai carabinieri di Milano dopo gli accertamenti investigativi realizzati nei mesi scorsi in 17 residenze sanitarie assistenziali e in un ospedale della Provincia di Como per verificare il rispetto dei protocolli di prevenzione e delle procedure anti contagio.

Il sequestro è scattato nell’ambito dell’indagine avviata dalla Procura di Como per far luce sulle possibili responsabilità penali relative alla gestione dei pazienti Covid da parte della direzione delle varie strutture socio assistenziali della zona durante la fase più critica dell’emergenza.

Il fascicolo, aperto in seguito ai 26 esposti presentati in procura da parenti delle vittime e del personale sanitario, ipotizza i reati di omicidio colposo ed epidemia colposa ed è per ora contro ignoti.

Servizio Precedente

Rissa per Salvini a Ventimiglia

Prossimo Servizio

5G / A Matera nasce la Casa delle tecnologie emergenti. Il sindaco:"trasformazione dei vicinati contadini in vicinati digitali"

Ultime notizie su Cronaca