Myanmar, dopo l’Isis e i genocidi la frana nella miniera di Giada. Il Paese che non vediamo

2 Luglio 2020
Lettura 1 min

Un paese lontano, che non vediamo, che non sentiamo. Il terrorismo, la democrazia instabile, un destino che sembra non interessare a nessuno.

E in questo mondo che non c’è arriva la notizia delle 113 vittime in una miniera di giada nel nord del nord del paese per una frana: lo ha reso noto il servizio dei vigili del fuoco del Paese. “Un totale di 113 corpi è stato trovato finora”, ha scritto il dipartimento sulla propria pagina Facebook.

Un agente di polizia ha detto che le operazioni di soccorso sono state sospese a causa delle forti piogge.

Notizie che sembrano nebulose, come il futuro dell’ex Birmania, bella da vedere, lontana da capire.


Sébastien Goldberg

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

La Montanara. La canzone degli Alpini è nata da un Veneto

Prossimo Servizio

Robert Kennedy jr pubblica la lettera “Italia venduta a Big Pharma”

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu