Madrid, possibili nuove zone rosse

Lettura 2 min

Dopo la Francia, la Gran Bretagna e alcuni land della Germania, arrivano restrizioni anche in Spagna. Il ministero della Sanità spagnolo ha diffuso i dati sui contagi da Covid-19 nelle ultime 24 ore: sono 10.800 i nuovi positivi aggiunti al conteggio globale, di cui sono 3.125 quelli risultanti da tamponi. Il totale dei casi diagnosticati da inizio pandemia sale a 382.267 casi. Negli ultimi sette giorni il totale dei positivi ha raggiunto quota 64.272 casi. I decessi registrati nell’ultima settimana sono 468, mentre nelle ultime 24 ore sono 21. Nella regione di Madrid si sono registrati 953 contagi, in Navarra 348, in Andalusia 335, in Aragona 308, nei Paesi Baschi 291 e in Extremadura 178.

Il presidente della regione di Madrid, Isabel Díaz Ayuso, ha detto che le attuali restrizioni alla mobilità in vigore in 37 aree sanitarie della capitale spagnola dovrebbero essere estese ad altre dove il livello di contagio è alto. Parlando a Radio Onda Cero, il presidente del Partito popolare della comunità autonoma ha affermato che l’esecutivo regionale sta studiando l’estensione delle restrizioni a “molte più aree”, in quanto “non è coerente” applicarle in alcune e non in altre, tenendo conto che l’incidenza accumulata negli ultimi 15 giorni supera già i 1.000 casi ogni 100mila abitanti in altre 16 zone sanitarie. Il consigliere regionale responsabile per la Salute a Madrid, Enrique Ruiz Escudero, ha anche avvertito che le restrizioni potrebbero essere estese oggi alle aree della città che soddisfano i criteri di più di 1.000 casi per 100mila abitanti o anche alcuni che si stanno avvicinando a quel numero e non lo raggiungono, e che seguono un trend stabile o in crescita.

Photo by Alex Vasey

Servizio Precedente

Udine, primo giorno di scuola. Sospeso un ragazzo al liceo perchè si rifiutava di usare la mascherina

Prossimo Servizio

Giallo della mail inviata ai vigili per festa del Corpo: "Servono 3 agenti ma di bella presenza..."