Liste d’attesa, ultima spiaggia del governo: Pagare di più i medici per esaurire nel fine settimana gli arretrati

27 Maggio 2024
Lettura 1 min

Classificazione delle urgenze con un tempo massimo (che il medico avrà l’obbligo di indicare) per l’erogazione della prestazione (da 72 ore a 120 giorni); visite diagnostiche e specialistiche (con la possibilità di acquisto da strutture private) anche nel week end con una fascia oraria prolungata; Cup (davvero) unico di prenotazione regionale e infraregionale per pubblico e privato; una piattaforma per il monitoraggio in tempo reale delle attese; pagamento della visita prenotata e non disdetta, quando non ci si presenta. Sono alcune delle principali novità contenute nella bozza del decreto legge (18 pagine) sulle liste d’attesa, ora all’esame finale dei ministri della Salute e dell’Economia, che sarà discusso in consiglio dei ministri il prossimo 3 giugno.

Tra le novità, ancora, la possibilità per gli specialisti ambulatoriali (remunerati fino a 100 euro lordi l’ora) e gli specializzandi (che potranno agire in libera professione per 12 ore a settimana) di concorrere alla velocizzazione di visite ed esami. L’Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) monitorerà quindi il rispetto dei tempi massimi di attesa per i cittadini, istituendo una piattaforma nazionale ciascuna per realizzare l’interoperabilità con le varie piattaforme (di regione o provincia autonoma). Infine, per arginare la spesa per i medici ‘gettonisti’ e le cooperative, le Regioni e gli enti del Servizio sanitario nazionale potranno reclutare personale in deroga (in forma autonoma o di collaborazione coordinata e continuativa) fino a fine 2026. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Chiesa grandiosa e spettacolare, stato e politica italiana senza  soldi e senza onori

Prossimo Servizio

Il tappo attaccato alla bottiglia contestato da Salvini? Calenda: Matteo lo hai votato tu con Conte, ricordi? Il video per non far fatica a bere…

Ultime notizie su Cronaca

TornaSu