Liguria, Toscana, Umbria, Basilicata diventano zona arancione. E martedì si decide per la Campania

Lettura 3 min

E’ durata meno di una settimana la presenza in zona gialla di alcune regioni.  “Il ministro Speranza mi ha anticipato poco fa l’esito della riunione che ha stabilito il passaggio dell’Abruzzo, insieme ad altre quattro Regioni – Umbria, Basilicata, Liguria e Toscana – nella zona arancione. Gli effetti del provvedimento che il ministro si appresta a firmare in serata avranno decorrenza dalla giornata di mercoledì”. Lo afferma in un post su Facebook il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio. 

A ruota confermano gli altri governatori.

“Ho appena parlato col ministro della salute Roberto Speranza che mi ha ufficialmente riferito che la Regione Toscana è entrata nella zona arancione, in quanto sono stati raggiunti i livelli che prevedono il passaggio a questa seconda fascia. Insieme alla Toscana vi sono altre regioni: il ministro prima di chiamarmi ha ovviamente parlato col presidente Giani. Credo che il nuovo regime restrittivo partirà da mercoledì”. Lo ha detto, intervenendo in Consiglio comunale, il sindaco di Firenze Dario Nardella. 

 “La Liguria da mercoledì 11 novembre diventerà zona arancione per i prossimi 14 giorni. Me lo ha appena comunicato il ministro Speranza”. Lo scrive su Facebook il governatore della Liguria Giovanni Toti. “Pur rimanendo perplesso sulla differenza di trattamento rispetto alla scorsa settimana, a fronte di numeri più o meno simili, ritengo sia doveroso non entrare in polemica con il Governo e prendere atto di questa decisione – aggiunge Toti – Indubbiamente i nostri ospedali sono sotto forte pressione, il mondo medico chiede interventi e in queste situazioni riteniamo che il criterio di prudenza debba sempre prevalere. A fra poco per il punto stampa con i dettagli e tutte le considerazioni del caso”.

“La decisione del ministro nasce a seguito dell’aumento dei casi positivi registrato negli ultimi giorni”: è il commento del presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, all’ordinanza del Ministro della Salute, Roberto Speranza, che trasformerà la Basilicata da zona gialla a zona arancione. “Faccio appello al senso di responsabilità dei lucani – ha aggiunto Bardi – perché in assenza di vaccino la pandemia si combatte con atteggiamenti estremamente responsabili. Solo seguendo le regole che tutti ormai conosciamo possiamo sconfiggere il virus e rallentare in modo efficace la sua diffusione. Non è escluso che a seguito della crescita dei contagi nelle prossime ore emetterò una ordinanza con ulteriori misure restrittive”.

 “Spostamento Umbria in zona arancione? Ne prendiamo atto. E’ chiaro che questo avrà ripercussioni su bar, ristoranti e su tutte quelle attività che hanno già avuto danni importanti finora”. Lo ha detto il presidente della Regione Umbria Donatella Tesei intervenuta a SkyTg24.

“Il governo ora deve garantire sostegno alle attività per fronteggiare la crisi. Questa non è solo un’emergenza sanitaria, ma è anche emergenza economica. Misure decreto ristoro sufficienti? Non lo so, sono misure. Ora il governo deve essere pronto ad adeguarle alla situazione”.

Default thumbnail
Servizio Precedente

Lettera minacce firmata BRIGATE ROSSE al sindaco di Ferrara

Default thumbnail
Prossimo Servizio

Conto alla rovescia per lockdown nazionale. L'ISS: epidemia sta peggiorando. Drastica riduzione contatti