Legali Fontana, autoriciclaggio? Ma no, inquirenti interpretano male, è una eredità

31 Marzo 2021
Lettura 1 min

 Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, “non intende lasciare alcuna ombra in relazione alla procedura di voluntary disclosure” del denaro detenuto in Svizzera, sull’origine del quale la Procura intende fare chiarezza tramite una rogatoria. A dichiararlo e’ lo stesso governatore tramite i suoi avvocati Jacopo Pensa e Federico Papa. I legali sono convinti che bastera’ “ricostruire documentalmente” l’origine di quel denaro, 5,3 milioni, per dimostrare che si tratta in toto dell’eredita’ ricevuta dalla madre. E dunque gli elementi che ‘non tornano’ agli inquirenti sarebbero da imputare “ad un problema di interpretazione”, ha spiegato l’avvocato Pensa all’AGI. “Nella documentazione” su cui lavorano gli inquirenti, proveniente anche dall’Agenzia delle Entrate, “c’e’ gia’ tutto ed e’ la stessa che abbiamo anche noi”, ha aggiunto il difensore.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Arriva obbligo vaccinazione per tutti gli operatori sanitari

Prossimo Servizio

Ma nessuno pensa alla tutela dei lavoratori della grande distribuzione, o ci sono solo le “caste”? Due morti in supermercati a Roma

Ultime notizie su Cronaca

L’ipotesi del guasto nel down di Microsoft

A proposito del caos informatico che si sta verificando a livello globale – con utenti di Microsoft che non riescono ad accedere a diverse app e servizi, con effetti su trasporti banche e comunicazioni
TornaSu

Don't Miss