Lauree in presenza. Le date per riaprire piscine e concerti, cena a ristorante e fiere al via. Luce in fondo al tunnel?

Lettura 2 min

A partire dal prossimo mese sarà possibile prevedere il graduale ampliamento in presenza delle attività universitarie, anche didattiche, come le lezioni, gli esami e le lauree. L’obiettivo è quello di riuscire ad andare verso una progressiva riapertura. Secondo quanto si apprende da fonti del Miur la possibilità di tornare in presenza da maggio negli atenei sarà condizionata da diverse variabili tra cui: l’andamento del piano di vaccinazione, dei contagi e le caratteristiche strutturali delle diverse università (capienza ecc.). Le fonti sottolineano, inoltre, l’autonomia delle università, che possono decidere come procedere. Se ci sono degli atenei che sono in grado e decidono di riaprire già da maggio, per dare un segnale, sarà possibile una progressiva riapertura se ci sono le condizioni di sicurezza, si ribadisce. Se non si riuscirà a svolgere le lezioni, anche perché il mese di maggio è ultimo prima delle vacanze, si potrebbe pensare di svolgere in presenza gli esami e le lauree nella sessione estiva. 

Nel documento di risposta del Cts al ministero della Cultura, secondo quanto apprende l’ANSA ,si sottolinea anche l’ok al concetto di eguaglianza tra sport e musica chiesto nei giorni scorsi da Franceschini. In particolare, si ammette per concerti la possibilita’ di un numero di spettatori piu’ elevato e comunque non inferiore a quello previsto negli eventi sportivi negli stessi luoghi o in spazi analoghi. Questo, sottolineano i tecnici, sempre in presenza di misure di sicurezza aggiuntive come ad esempio le mascherine Ffp2. 

Intanto da lunedì 26 tornano la scuola torna in presenza nelle zone gialle e arancioni. Ristoranti aperti in zona gialla ma con servizio all’aperto sia a pranzo che a cena, coprifuoco ancora alle 22.

Ma la novità è la parziale riapertura di musei, teatri, cinema e spettacoli con il 50% dei posti occupabili in sala fino a un massimo di 500 spettatori al chiuso e mille all’aperto. Lo stesso in zona gialla calcetto e all’aperto, anche di contatto. Si potrà andare da una regione all’altra ma con pass vaccinale. Pass che sarà necessario per accedere nei luoghi riaperti (stadi, eventi sportivi)

La tempistica: dal 15 maggio le piscine  all’aperto. Dal 1 giugno a pranzo al ristorante anche al chiuso, Dal 1 luglio ripartono fiere e congressi.

Servizio Precedente

Finché c'è Draghi c'è Speranza

Prossimo Servizio

Le finte aperture di Draghi e i dubbi sul Pass

Ultime notizie su Cronaca