La questione di fondo. 4 milioni di italiani che rinunciano alle cure sanitarie

28 Giugno 2024
Lettura 1 min

 “Eravamo l’eccellenza mondiale in campo sanitario (ce la battevamo con la Francia) grazie a una riforma datata 1978, che garantiva la cura sanitaria per tutti, e invece, anno dopo anno ci siamo “americanizzati”. Se non hai i soldi non ti curi, come in America. Sono aumentate le assicurazioni sanitarie per prenotare da privato e ovviare alle liste d’attesa pubbliche che durano mesi (una mammografia, costo 150 euro minimo può arrivare a due anni, una colonscopia a 1.400 a un anno)”. Lo dice l’inchiesta di Famiglia cristiana sulla sanità: “4 milioni e mezzo di italiani rinunciano alle cure”. “Colpa – spiega il settimanale cattolico – di 21 sistemi sanitari diversi regione per regione e al fatto che spendiamo meno per la sanità rispetto alla media europea, nonostante abbiamo la popolazione più anziana d’Europa e dunque bisognosa di cure. E così i medici se ne vanno nel privato, i Pronto Soccorso scoppiano, 4 milioni e mezzo di poveri rinunciano a curarsi e a fare prevenzione”. “L’inchiesta – spiega anche una nota – contiene un’intervista a don Massimo Angellelli, responsabile della pastorale della salute della Cei, cui fanno capo oltre mille tra centri, cliniche e ospedali gestiti da religiosi, come il Fratebenefratelli. Per Angelelli lo Stato dedica uno scarso riconoscimento alle strutture cattoliche non profit, considerate alla stessa stregua di centri sanitari privati a fin di lucro

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Ue, Italia si astiene sulle nomine. Accordo per il bis di Ursula. Ue: Ruolo Italia non è accodarsi per uscire dall’isolamento

Prossimo Servizio

Nomine Ue, Tajani: E’ tutto ancora aperto

Ultime notizie su Cronaca

Turismo, rincari lasciano a casa tante famiglie

I rincari del settore turistico pesano come un macigno sulle vacanze estive degli italiani, spingendo una fetta crescente di popolazione a rinunciare del tutto alle partenze e determinando un aumento della spesa

L’ipotesi del guasto nel down di Microsoft

A proposito del caos informatico che si sta verificando a livello globale – con utenti di Microsoft che non riescono ad accedere a diverse app e servizi, con effetti su trasporti banche e comunicazioni
TornaSu