Categorie: Cronaca

La pianura Padana è inquinamento puro. Milano peggiore d’Europa e ottava al mondo per smog

“L’attuale sistema di alta pressione ha causato un peggioramento della qualità dell’aria in Italia. Secondo il nostro servizio di monitoraggio dell’atmosfera, il Pm10 ha superato ieri i 100 μg/m3 in molte aree della Pianura Padana”. È quanto conferma il programma satellitare Ue Copernicus a proposito dei livelli di Inquinamento degli ultimi giorni in Italia.

Tra tutte le situazioni che possiamo anche definire competizioni emerge la transizione ecologica, un tema caldo e di crescente importanza per gli italiani, con un numero sempre maggiore di persone che si rendono conto dell’urgenza di adottare pratiche sostenibili per proteggere l’ambiente e contrastare il climate change. Questa consapevolezza coinvolge il 73.3% dei cittadini ed è sicuramente stata alimentata da una serie di fattori tra cui l’aumento delle temperature globali, gli eventi meteorologici estremi e la crescente evidenza scientifica sugli impatti ambientali delle attività umane”. Lo scrive in un suo intervento su La Stampa la sondaggista Alessandra Ghisleri. Che poi aggiunge: “Gli italiani sono sempre più preoccupati per le questioni ambientali denunciando principalmente i grandi eventi climatici che hanno colpito il nostro territorio, l’inquinamento dell’aria, l’uso sostenibile delle risorse naturali, la gestione dei rifiuti e la perdita di biodiversità. Di fronte a questo esiste un crescente sostegno per politiche e iniziative volte a ridurre l’impatto ambientale delle attività umane e a promuovere uno stile di vita più sostenibile. Questo dato lo si riscontra in maniera trasversale negli elettorati dei diversi partiti con solo una convinzione un po’ meno energica tra gli elettori di Fratelli d’Italia e Lega”.

E ancora: “A un italiano su 3 (34.2%) è convinto che questo sia un processo più lento delle previsioni e che presenta dei costi importanti. Il 18.7% è preoccupato che questo processo possa avere delle rilevanti conseguenze sull’occupazione e soprattutto sulle fasce più fragili della società. È interessante vedere come su queste due posizioni ci sia un intesa tra i sostenitori di Fratelli d’Italia e del Movimento 5 Stelle. Emergono forti preoccupazioni riguardo al costo economico delle politiche ambientali e alla necessità di riconversione delle industrie.

Stefania Piazzo

Articoli recenti

L’intuizione di Umberto. Il valore di appartenere ad una terra. Poi la mutazione, senza Bossi, in rigurgito centralista

di Raffaele Piccoli - Il 12 aprile 2024, è una data importante per l'autonomismo. Il…

10 ore fa

40 anni di Lega, ovvero i 40 anni dalla scoperta del Nord. Dopo Bossi, resta un vuoto nella politica

di Stefania Piazzo - Anni fa mi trovai a pranzo, faccia a faccia, con Margherita…

20 ore fa

Bce, col piffero che abbassiamo i tassi. C’è l’inflazione. E chiudono: Anzi, i tassi alti fermano i prezzi”. Come no…

Tutto secondo copione nella riunione di aprile del Consiglio direttivo della BCE: dal meeting infatti è…

1 giorno fa

Festa sabato a Gemonio. “Astenersi sostenitori Ponte Stretto”

di Cassandra - Libri, sostegno al generale Vannacci, rincorsa al quel "io c'ero" che vuole…

1 giorno fa

Suviana, si indaga per disastro. 100 vigili del fuoco al lavoro

Sono cento i vigili del fuoco impegnati nei soccorsi alla centrale idroelettrica di Bargi (Bologna)…

1 giorno fa

Tragedia Suviana, oggi sciopero di 4 ore

 Al via lo sciopero proclamato dal Cgil e Uil a sostegno della sicurezza del lavoro,…

1 giorno fa

Usiamo cookie per ottimizzare il nostro sito web ed i nostri servizi.

Leggi tutto