La lettera dei 170 medici milanesi: Non c’è niente che funzioni, portale, prenotazione tamponi, green pass disattivati… Noi lasciati soli

Lettura 4 min

 “Vogliamo tornare a fare i medici clinici, a fare prevenzione, a curare i pazienti! Sono le ragioni per cui, pochi o tanti anni fa, abbiamo scelto la nostra professione”. Lo scrivono 170 medici di base non sindacalizzati in una lettera indirizzata al direttore dell’Ats di Milano Walter Bergamaschi. “In questa quarta ondata di pandemia – si legge – ci siamo trovati a lavorare piu’ di 10 ore al giorno in ambulatorio, davanti a portali quasi sempre mal funzionanti, esasperati da impossibili prenotazioni di tamponi e sfiniti dall’inserimento di migliaia dati di contagiati e contatti, non ci siamo risparmiati nel rispondere a centinaia di telefonate di pazienti spaventati, disorientati su regole confuse di quarantena ed altrettanto esasperati da green pass disattivati”.

medici lamentano che “l’accentramento sul medico di medicina generale di tutte le pratiche amministrative e’ sempre piu’ imponente e vincolato da autenticazioni che rendono i nostri compiti non delegabili ai collaboratori. Il sistema informatico di Regione Lombardia e’ inadeguato: quante volte dobbiamo rassegnarci a disservizi del Siss, dimostrazione che le potenzialita’ della nostra rete informatica sono attualmente male utilizzate”. E ancora sottolineano di “essere stati lasciati da soli, non solo in queste ultime settimane. Invece cio’ che nella pandemia ci ha spesso permesso di restare aggiornati ed efficienti sono stati i mille contatti tra di noi, le informazioni e i documenti che tempestivamente ci siamo trasmessi nelle chat e via mail, dove le nostre domande trovano risposte immediate che da ats arrivano immancabilmente con tempi inaccettabili. Ed e’ altrettanto inaccettabile il fatto che spesso – assai prima che da chi ci dovrebbe informare – veniamo a conoscenza di novita’ rilevanti dalla stampa o dagli assistiti”. Infine concludono: “Tutto questo e’ il risultato di un disinteresse di Regione Lombardia e di Ats nei confronti di tutta la Medicina Generale”.

 “L’Ats Citta’ Metropolitana di Milano ha appreso solo tramite un lancio dell’agenzia ANSA di una lettera che sarebbe stata inviata da 170 medici al direttore generale Walter Bergamaschi. Alla Direzione Generale, infatti, non e’ arrivata alcuna missiva, pertanto ci riserviamo di rispondere quando riceveremo il documento”. Lo si legge in una nota diffusa nel pomeriggio da Ats Milano. “Ats – prosegue il comunicato – comunque riconosce la situazione di forte pressione che la pandemia ha provocato anche nei confronti dei medici di medicina generale (MMG). Il rapporto di lavoro del medico e del pediatra di famiglia e’ regolato da un Accordo Collettivo Nazionale che dispone anche gli adempimenti burocratici che vengono lamentati. In Lombardia pero’, e’ bene sottolinearlo, a differenza di altre regioni, i medici non sono tenuti a rilasciare la certificazione di guarigione utile per l’attivazione o riattivazione del Green Pass”. “Non e’ questo il momento di alimentare contrapposizioni, ma di lavorare insieme – conclude la nota di Ats – per cogliere le opportunita’ che la nuova Riforma e il Pnrr mettono a disposizione per rilanciare l’assistenza territoriale e il ruolo clinico del MMg”. 

Foto di marketing online

Servizio Precedente

Fondazione Aiom: Dai mutui alle adozioni, la vergogna dei diritti negati ai guariti di tumore

Prossimo Servizio

Piemonte in arancione da lunedì

Ultime notizie su Cronaca