Italia brucia ma 6 su 10 sono incendi dolosi

Lettura 4 min

L’Italia brucia con 6 incendi su 10 che sono colpa dell’uomo spesso all’opera con un vero e proprio disegno criminale per incenerire migliaia di ettari di boschi e macchia mediterranea facendo salire il conto dei danni all’ambiente, all’economia, al lavoro e al turismo con in media piu’ di cinque grandi roghi ogni giorno dall’inizio dell’estate. E’ quanto emerge dall’analisi di Coldiretti su dati Effis in riferimento al vasto incendio probabilmente doloso scoppiato sull’isola di Pantelleria. Ci vorranno almeno 15 anni – spiega la Coldiretti – per ripristinare completamente le zone verdi distrutte dalle fiamme con danni oltre diecimila euro all’ettaro fra spese immediate per lo spegnimento e la bonifica e quelle a lungo termine sulla ricostituzione dei sistemi ambientali ed economici. In un’Italia spaccata in due dal meteo le devastazioni dei roghi si aggiungono ai danni all’agricoltura causati da siccita’ e maltempo che – evidenzia Coldiretti – hanno gia’ superato i 6 miliardi di euro, pari al 10 per cento della produzione nazionale Il 2022 infatti – sottolinea Coldiretti – si classifica fino ad ora in Italia come l’anno piu’ caldo di sempre ma segnato da una piu’ elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal caldo al maltempo. 

Le alte temperature dell’estate 2022 e la scarsita’ di precipitazioni hanno inaridito i terreni – evidenzia Coldiretti – favorendo l’innesco delle fiamme nelle campagne e nei boschi spesso abbandonati a causa della chiusura delle aziende agricole che non possano piu’ svolgere una funzione di controllo e monitoraggio per intervenire tempestivamente. Per difendere il bosco italiano – continua la Coldiretti – occorre creare le condizioni economiche e sociali affinche’ si contrasti l’allontanamento dalle campagne e si valorizzino quelle funzioni di vigilanza, manutenzione e gestione del territorio svolte dagli imprenditori agricoli, anche nei confronti delle azioni criminali. E’ dunque importante l’azione di prevenzione e di attenzione da parte di tutti. La prima regola contro gli incendi e’ quella – afferma la Coldiretti – di evitare di accendere fuochi non solo nelle aree boscate, ma anche in quelle coltivate o nelle vicinanze di esse, mentre nelle aree attrezzate, dove e’ consentito, occorre controllare costantemente la fiamma e verificare prima di andare via non solo che il fuoco sia spento, ma anche che le braci siano completamente fredde. Soprattutto nelle campagne – precisa la Coldiretti – non gettare mai mozziconi o fiammiferi accesi dall’automobile e nel momento in cui si e’ scelto il posto dove fermarsi verificare che la marmitta della vettura non sia a contatto con erba secca che potrebbe incendiarsi. 

Inoltre – continua la Coldiretti – non abbandonare mai rifiuti o immondizie nelle zone boscate o in loro prossimita’ e in particolare, evitare la dispersione nell’ambiente di contenitori sotto pressione (bombolette di gas, deodoranti, vernici, ecc.) che con le elevate temperature potrebbero esplodere o incendiarsi facilmente. Nel caso in cui venga avvistato un incendio – consiglia la Coldiretti – non prendere iniziative autonome, ma occorre mantenersi sempre a favore di vento evitando di farsi accerchiare dalle fiamme per informare tempestivamente le autorita’ responsabili con i numeri di emergenza disponibili. Dal momento che – conclude la Coldiretti – un elevato numero degli incendi e’ opera di piromani o di criminali interessati alla distruzione dei boschi, occorre collaborare con le autorita’ responsabili per fermare comportamenti sospetti o dolosi favoriti dallo stato di abbandono dei boschi nazionali.

Servizio Precedente

Calenda e Renzi: No ad allarmismo dei virologi in campagna elettorale

Prossimo Servizio

Meloni, mi vanto di non aver mai votato il reddito di cittadinanza

Ultime notizie su Cronaca