Categorie: Cronaca

Ingiustizia è fatta – Italia in testa nelle disuguaglianze tra i Paesi Ocse

 L’Italia si trova in cima alla lista dei Paesi dell’Ocse con il livello più alto di disuguaglianze. Negli ultimi 25 anni, mentre il 10% più ricco degli italiani ha visto crescere la propria ricchezza del 4%, la metà più povera ha subito una perdita del 5%. Le ultime stime disponibili sulla distribuzione della nazionale netta in Italia, relative alla fine del 2022, evidenziano ampi squilibri che si sono accentuati a partire dal secondo decennio del nuovo millennio, come ricchezza riporta l’Oxfam: il 20% più ricco degli italiani deteneva oltre 2/3 della ricchezza nazionale (68,9%); il successivo 20% possedeva il 17,7% della ricchezza nazionale; il 60% più povero deteneva solo il 13,5% della ricchezza nazionale Un confronto tra le consistenze patrimoniali dei diversi gruppi della popolazione italiana rivela che: il 10% più ricco possedeva oltre 6,7 volte la ricchezza della metà più povera della popolazione; il 5% più ricco deteneva più del 30% dello stock di ricchezza detenuta dall’80% più povero; l’1% più ricco possedeva una ricchezza oltre 84 volte superiore alla ricchezza detenuta complessivamente dal 20% più povero. 

La disuguaglianza economica e la povertà sono tra i principali problemi del mondo contemporaneo. La preoccupazione per una crescita economica distribuita in modo diseguale è diffusa e giustificata. Le situazioni di povertà non solo limitano le opportunità individuali, ma hanno anche ripercussioni negative sull’intera società. Alti livelli di disparità frenano la mobilità economica e sociale, ostacolando la crescita economica complessiva di uno stato e minando la fiducia nelle istituzioni e nei governi. Si tratta di aspetti messi in evidenza, tra gli altri, anche dalle Nazioni unite, che analizzano la questione in un’ottica globale.

Redazione

Articoli recenti

Pnrr, privatizzazioni, Def, bonus edilizi – L’Ufficio parlamentare di bilancio: Carenza di informazioni su aspetti fondamentali per la finanza pubblica

"Per raggiungere entro la fine del decennio la situazione pre-pandemia del 2019, quando il debito…

4 ore fa

Bankitalia allarmata. Superbonus pesa come l’8% di Pil. In futuro solo tetti di spesa

 "I crediti maturati nel 2021 e nel 2022 sono ad oggi stimabili, sulla base di…

4 ore fa

Nodi al pettine, mancano i soldi in cassa. Saltano gli sgravi fiscali. Rinvio bonus tredicesime. Arrivano “lacrime e sangue”

Slitta l'approdo in Consiglio dei ministri del nuovo decreto in materia fiscale contenente modifiche in…

11 ore fa

Cottarelli, elezioni europee decisive per spingere verso Europa Stato federale e non club degli scacchi

"Queste elezioni europee sono fondamentali per il futuro del nostro continente e per il futuro…

23 ore fa

L’Europa dei ragionieri ci ingabbia nel solito Patto di stabilità. Centrodestra e Pd si astengono, solo M5S contro. Rientro dal debito in 7 anni… “Lo cambieremo”, promettono…

  Nella votazione sulla riforma del braccio preventivo del patto di stabilità oggi a Strasburgo pochissimi eurodeputati italiani…

23 ore fa

La Nuova Padania si stringe attorno a Gigi Cabrino per la perdita del padre

La direzione, la redazione e i tecnici del quotidiano esprimono la loro vicinanza per la…

1 giorno fa

Usiamo cookie per ottimizzare il nostro sito web ed i nostri servizi.

Leggi tutto