Inchiesta mascherine, Arcuri: noi parte lesa

17 Febbraio 2021
Lettura 1 min

 “Dalle ultime risultanze investigative che hanno determinato oggi il sequestro dei beni degli indagati nella cosiddetta ‘inchiesta delle mascherine’ risulta evidente che la struttura commissariale e il commissario Arcuri (estranei alle indagini) sono stati oggetto di illecite strumentalizzazioni da parte degli indagati affinché questi ultimi ottenessero compensi non dovuti dalle aziende produttrici”. Lo fa sapere in una nota l’Ufficio Stampa del Commissario Straordinario per l’Emergenza Covid. “La struttura commissariale e il Commissario continueranno a fornire la più ampia collaborazione agli investigatori. Nella loro veste di parti offese hanno già richiesto ai loro legali di valutare la costituzione di parte civile in giudizio per ottenere il risarcimento del danno”, conclude la nota.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Ponte Stretto, Salvini: Mi piacerebbe dedicare tutto il mio tempo a questo, esempio energia Italia nel mondo…

Prossimo Servizio

Tutti convertiti. L’euro fino a ieri non era irreversibile. Ma da oggi “Draghi ha ragione”

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu