Inchiesta appalti Anas, iniziano gli interrogatori. Alcuni difensori impugnano misure cautelari

2 Gennaio 2024
Lettura 1 min

Sono previsti per domani in tarda mattinata gli interrogatori degli indagati raggiunti, lo scorso 28 dicembre, da cinque misure cautelari agli arresti domiciliari e due misure interdittive, della durata di 12 mesi, nell’ambito dell’inchiesta della procura di Roma su alcune commesse nell’Anas. Il 3 gennaio a presentarsi davanti al gip di Roma ci sara’, tra gli altri, anche Tommaso Verdini, figlio dell’ex parlamentare Denis, anch’egli finito nel registro degli indagati in un procedimento in cui si ipotizzano i reati di corruzione, traffico di influenza illecite e turbativa d’asta. 

Non e’ escluso che gli indagati, al primo confronto con i magistrati, possano decidere di avvalersi della facolta’ di non rispondere o limitarsi a dichiarazioni spontanee. Nelle 82 pagine dell’ordinanza di custodia cautelare recante le misure restrittive il gip aveva sottolineato – riferendosi agli imprenditori coinvolti – che “la documentazione acquisita in Anas e le intercettazioni telefoniche hanno dimostrato come hanno avuto affidamenti per milioni di euro” proprio da quando era iniziata il loro rapporto con la societa’ di lobbying Inver dei Verdini nonche’ del loro socio, Fabio Pileri. 

Alcuni difensori hanno, pero’, già annunciato il ricorso al tribunale del Riesame per impugnare la misura cautelare, mentre il difensore dell’imprenditore Angelo Ciccotto, l’avvocato Mario Antinucci, starebbe valutando anche l’ipotesi di un’azione dinanzi alla Corte Europea dei diritti dell’uomo. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

“La dogaressa tra storia e mito. Venezianità al femminile dal Medioevo al Novecento”. La first lady ante litteram in mostra a Portogruaro

Prossimo Servizio

L’ex premier Amato: “Questa destra non la cultura politica di Reagan né della Thatcher né di Major, con cui mi è capitato di lavorare”

Ultime notizie su Cronaca

Terzo mandato, fratelli coltelli

 Resta alta in maggioranza la tensione sul tema dell’ampliamento dei mandati per i governatori di regione, che la Lega vuole portare a tre, come previsto nei suoi emendamenti al decreto Elezioni, in
TornaSu