In carte Procura spunta holding svizzera di finanziere amico di Steve Bannon. Transitati lì soldi capannone?

Lettura 1 min

Spunta una holding svizzera di un avvocato-imprenditore ticinese di 89 anni, Tito Tettamanti, nell’inchiesta della Procura di Milano sulla presunta compravendita a prezzo gonfiato da parte della Lombardia film commission con Fondi regionali di un capannone a Cormano (Mi). Il finanziere Tettamanti è personaggio noto nella Svizzera italiana anche per aver ospitato a Lugano Steve Bannon, l’ideologo della destra populista americana ed ex consigliere di Donald Trump.

Secondo quanto emerge da un’informativa dello scorso maggio della Guardia di Finanza, tra il 2017 e il 2018, “la Fidirev Societa’ Fiduciaria srl, e’ risultata indirettamente partecipata dalla Fidnam Group Holding Sa (Svizzera)”, di cui Tettamanti e’ “fondatore” e “presidente onorario” attraverso “l’interposizione di svariate persone fisiche e giuridiche, tra cui Fidirevisa Italia Spa, Fidnam Services et Participations sa (Lussemburgo) e Fidinam sa (Svizzera)”.

La Fidirev e’ una della societa’ finite al centro dell’inchiesta dei pm milanesi. Secondo le indagini dei flussi finanziari, nella fiduciaria che controllava altre societa’ riferibili al commercialista Michele Scillieri, sarebbero transitati circa 250mila euro della presunta “provvista illecita”, derivante dall’acquisto per 800 mila euro del capannone nell’hinterland milanese. 

Servizio Precedente

Toscana, in lista appoggio Lega un candidato Forza Nuova usa mascherina Boia chi molla

Prossimo Servizio

Alitalia: nessun obbligo di test per piloti e personale. Ma vale in tutta Europa. Il Covid vola via e non fa asintomatici?

Ultime notizie su Cronaca