Il senatore Stefano (che lascia il Pd): Liste maschiliste, nessuna vergogna?

Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Sottolineato dalle fonti dem il rispetto della parità di genere nelle liste. A Bari, collegio uninominale per la Camera, correrà la scienziata Luisa Torsi. Per il Senato, al proporzionale in Puglia correranno Francesco Boccia, Valeria Valente e Antonio Misiani. Eppure, proprio relativamente alla Puglia si registra il Tweet polemico del senatore Dario Stefano, che due giorni fa ha annunciato che lascerà il partito colpevole, a suo dire, di aver “sacrificata l’agenda Draghi per un indistinto programma generalista”. Per Stefano, “La volontà di #Letta e #Boccia di ‘trasformare questo partito tradizionalmente maschilista in un partito femminista che dia spazio alle donne’ si è arenata con la sostituzione capigruppo #PD Camera e senato nel 2021. In #Puglia, nessuna #donna capolista. Nessuna vergogna?”.

Foto dal profilo fb di Dario Stefano

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

Servizio Precedente

Pd, Letta capolista sceglie il Lombardoveneto Lombardia e Veneto. Candidato Crisanti per circoscrizione Europa

Prossimo Servizio

A sinistra il "sacrificio" elettorale per l'alleanza con gli ex di Di Maio e compagni

Ultime notizie su Cronaca