Il principe Andrea nei guai. Per la prima volta una magistratura straniera include un membro della famiglia reale inglese in una indagine criminale

Lettura 1 min

di Riccardo Rocchesso – Come ha riportato il tabloid inglese Sun è stata inviata una richiesta di “mutua assistenza legale” dal Dipartimento di Giustizia americano al ministero dell’interno britannico.

Il principe Andrea, amico di Epstein (noto per lo scandalo di festini e pedofilia nella sua isola poi trovato in situazioni misteriose suicida in carcere) era stato accusato da una ragazza di essere stata abusata dallo stesso principe quando era minorenne in varie occasioni alle feste del magnate hollywoodiano.

Il principe Andrea con Epstein

Il principe Andrea, non gode dell’immunità rispetto ad altri della famiglia reale e come ha riportato oggi il Corriere, gli americani si sono decisi a compiere questo passo di fronte al rifiuto di Andrea di collaborare. 
Ed ora, se il ministero inglese desse l’ok, il principe Andrea si troverebbe davanti a due possibili scenari.

Il primo è quello di poter comparire davanti ad un tribunale per fornire una testimonianza giurata, il secondo è quello di poter solo essere interrogato e firmare una dichiarazione non sotto giuramento.

Si aspettano mesi molto intensi per la più potente famiglia nobiliare al mondo.

Servizio Precedente

LA SCUOLA PER IL GOVERNO - Prima il bonus monopattino e bici elettrica. Poi forse anche ai prof

Prossimo Servizio

Quando ci chiedevamo come mai avevano riaperto le librerie prima di altre attività. Per acculturarci sul Covid?

Ultime notizie su Cronaca