Il presidente Rai reclama: Il canone non ci basta e costa troppo poco

Lettura 1 min

 “Il canone e’ una risorsa incongrua rispetto agli obblighi che la Rai svolge ed e’ tenuta a svolgere”. Lo ha detto l’amministratore delegato della Rai, Carlo Fuortes, nell’audizione in Commissione lavori pubblici del Senato. “In un sistema di finanziamento duplice la risorse di gran lunga prioritaria – ha ricordato Fuortes – e’ il canone, tuttavia il relativo valore unitario e’ il piu’ basso di tutta Europa, 90 euro. Una somma distante da quella degli altri Paesi al punto da rendere quasi irrilevante la compresenza compensativa, per Rai, degli introiti della raccolta pubblicitaria. In Francia – ha concluso – il canone ammonta a 138 euro. Se, in aggiunta, si considerano le varie trattenute, dei 90 euro unitari, Rai ne percepisce solo l’86% mentre negli altri Paesi come Regno Unito, Germania e Francia si hanno percentuali comprese tra il 96 e il 98%”. 

Servizio Precedente

E' allarme organici e retribuzioni operatori sanitari. Mancano 25mila medici e 63mila infermieri

Prossimo Servizio

Caro bollette: da 781 a 1370 euro nello stesso periodo. Salvini: Draghi sa che serve aiuto di Stato

Ultime notizie su Cronaca