Il Pil lombardo cresce nonostante la crisi e incalza la Baviera. Figuriamoci se ci fosse stata la Padania, regione italiana in Europa…

Lettura 3 min

di Stefania Piazzo – Sono lontani i tempi del volume “La Padania, una regione italiana in Europa” della Fondazione Agnelli. Anzi, tempi lontanissimi. Era il 1992. 30 anni dopo tuttavia anche se si sbianchetta un nome, e si parla solo di Nord, la questione resta. Una questione vera, sostanziale. Il Sud è rimasto aggrappato all’assistenzialismo, paga meno contributi previdenziali di quanti ne riceva ( ), ha quindi meno occupati, e il reddito di cittadinanza è diventato il sussidio che ha tamponato la fame di lavoro senza risolvere la piaga del lavoro nero, che resta comunque conveniente a fronte di 700 euro che non fanno da volano a nulla.

Oggi Assolombarda ha alzato le stime sulla crescita del Pil lombardo, nonostante, spiega, crescano le criticità sul fronte delle catene di approvvigionamento. I dati del Booklet Economia, a cura del Centro Studi di Assolombarda, che leggiamo, dicono che il Pil lombardo crescerà del 6,4% per il 2021, contro un +5,4% stimato a luglio. Una accelerazione che sorpasserà persino i livelli pre-Covid anche se solo nel 2022 (ancora del -3,4% il gap nel 2021).

Un po’ tutta la Padania, o il Nord a seconda dei gusti, hanno questa tendenza. C’è una velocità simile in Veneto, Emilia-Romagna, Piemonte. Cos’ come la frenata del meno 9% del Pil ha accomunato Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Piemonte.

Ma il dato che deve fare riflettere, è il confronto europeo.

La Catalogna ha fatto peggio, con un -11,5% (meglio ha fatto la media nazionale del 10,8% in Spagna). Per quanto riguarda Baviera e Baden-Wurttemberg la flessione è stata del -5,5% (-4,6% nel totale Germania).

L’estate appena trascorsa ha portato però anche altri dati da confrontare.

Questi. “Il PIL nel 2020 era in caduta per il Veneto del 9%. La comparazione con la Germania è interessante: i Lander tedeschi nel 2020 hanno fatto registrare flessioni più contenute rispetto alle altre regioni europee (Baviera -5,5%; Renania Nord-Vestfalia -4,4%; Baden Württenberg -5,5%), ma nel 2021 la loro ripresa economica dovrebbe essere relativamente modesta (Baviera +3%; Renania Nord-Vestfalia +3,5%; Baden Württenberg +3,5%)”.

Lo scriveva il quarto Focus 2021 sull’impatto del Covid-19 sull’economia del territorio, nell’ambito dell’Osservatorio Economia e Territorio, curato dal Centro Studi Sintesi.

Morale. Se nonostante la burocrazia italiana, lo Stato centrale, i partiti italiani, il sistema padano regge e compete, cosa potrebbe fare se messo nelle condizioni di correre sul serio? Non è che forse un sano federalismo, una sana devolution, avrebbe potuto dare al paese tutto un ruolo meno marginale in Europa, e garantire più lavoro per tutti? Forse a urlare meno “prima gli italiani” e a fare di più le cose sul serio, avremmo dettato più regole e avremmo fatto meno brutte figure con gli Stati che il recovery non ce lo volevano concedere perché non si fidavano di noi. O meglio, forse si sarebbero fidati di più della Padania, regione italiana in Europa.

Foto di Capri23auto da Pixabay 

Servizio Precedente

Domani sciopero dei taxi in tutta Italia contro abusivismo del settore

Prossimo Servizio

Lega e FdI - L'audio "rubato" a Salvini e quelle "rotture di co... dalla destra all'opposizione"

Ultime notizie su Cronaca