Il J’accuse del generale Lunelli. Piano pandemico fermo da 14 anni

Lettura 2 min

di Marcus Dardi – Il generale in pensione Pier Paolo Lunelli, che è stato comandante della Scuola per la difesa nucleare, batteriologica e chimica, ha redatto un rapporto di 65 pagine dove accusa i vari governi italiani degli ultimi 15 anni di avere un piano pandemico vecchio e inadeguato.

Sembra che l’ultimo aggiornamento risalga al 2006.

Questa notizia ha fatto sì che il comitato dei familiari delle vittime del covid “Noi denunceremo”, sia in procinto di denunciare tutti i presidenti del Consiglio e i ministri della Sanità italiani a partire dal 2013, per il mancato aggiornamento del piano anti-pandemie.

Secondo il generale, se non avessimo avuto 14 anni di totale menefreghismo sul piano pandemico nazionale, avremmo risparmiato 10.000 vittime. Non si risparmia certo con i complimenti accusando “chi di dovere” di sciatteria, incuria, negligenza, noncuranza e grave inadempienza.

Lunelli sottolinea il fatto che l’ultimo piano pandemico nazionale ha contenuti che risalgono al 2006 e non riporta le indicazioni del RSI Regolamento Sanitario Internazionale. L’RSI indica, anche, le linee guida per la prevenzione delle pandemie.

E’ assolutamente vero che questa “disgrazia” planetaria ha colto un po’ tutti impreparati, ma quello che più da’ fastidio ai cittadini è avere un ennesima conferma dell’inefficienza della nostra classe dirigente.

Anni di tagli alla sanità, anni di sprechi, anni di inefficienza gestionale delle risorse e dei fondi, anni di sfilate di politici prime donne in TV totalmente inutili per arrivare a cosa?

Per arrivare ad accusare e sanzionare le persone normali se non coprono il naso con la museruola, per tenere 60 milioni di persone agli arresti domiciliari, per aver fatto fallire economicamente un intero Paese, per aver distrutto la sana occupazione e aver creato il precariato di massa.

Ancor più triste è vedere che giornali, ma soprattutto le TV, continuino a far salotto con queste “prime donne” totalmente inutili e pericolose.

Servizio Precedente

Le Regioni cambiano colore

Prossimo Servizio

12 Regioni ancora sopra la soglia critica

Ultime notizie su Cronaca