Categorie: Cronaca

Germania al voto, si chiude l’era Merkel

 Manca un giorno alle elezioni federali in Germania che sanciranno la fine dell’epoca Merkel dopo 16 anni. Tre sono i candidati alla cancelleria: Annalena Baerbock (Verdi), Armin Laschet (Unione cristianodemocratica e Unione cristianosociale in Baviera, Cdu/Csu) e Olaf Scholz (Partito sociademocratico, Spd). I seggi elettorali saranno aperti dalle 8 alle 18 di domenica 26 settembre e la Germania votera’ per il 20° Bundestag. Olaf Scholz, 63 anni, vicecancelliere della Germania e ministro delle Finanze dal 14 marzo 2018 nel quarto governo Merkel, moderato, e’ chiamato anche Scholzomat per il suo carattere burocrate-tecnocrate, ex sindaco di Amburgo e avvocato specializzato in diritto del lavoro. Ha riscosso il piu’ alto indice di gradimento nell’ultimo confronto televisivo. Armin Laschet, 60 anni presidente del Land di Renania Settentrionale-Vestfalia dal 2017 e presidente dell’Unione Cristiano-Democratica di Germania (CDU), attualmente il candidato piu’ sottovalutato nei sondaggi.

Ha studiato Giurisprudenza a Bonn, poi giornalismo. Le sue posizioni sono fortemente europeiste e in favore di un’Europa che sappia stare sulle proprie gambe. La cancelliera, solo nelle ultime settimane e’ scesa in campo per sostenere Armin Laschet (Cdu): “Ne va della Germania, per mantenere la Germania stabile Armin Laschet deve diventare cancelliere, Cdu-Csu deve essere la prima forza”, ha affermato. Annalena Baerbock, 40 anni, e’ invece la candidata piu’ giovane, co-leader dei Verdi con Robert Habeck, e’ l’unica senza esperienza di governo. Ha studiato dal 2000 al 2004 Scienze politiche e Diritto pubblico presso l’Universita’ di Amburgo e dal 2013 e’ una deputata presso il Bundestag. Portatrice di un vento di cambiamento e di un governo verde, attualmente tema su cui si dibatte molto, ma ha anche fatto scivoloni lungo tutta la sua campagna elettorale. Ogni elettore tedesco esprime due voti, con il primo vota un candidato e con il secondo un partito. Sulla prima scheda sceglie un candidato della sua circoscrizione, sulla seconda scheda, invece, vota la lista di un partito del suo Land.

Redazione

Articoli recenti

AUTONOMIA DIFFERENZIATA-LA RIFORMA IMPOSSIBILE CHE FA COMODO A TUTTI, CON UN “FRONTE DEL NO” E UN “FRONTE DEL NORD”

di Cuore Verde - A differenza degli esperti che, in questi giorni, si prodigano a…

5 ore fa

Gremmo: materiale elettorale nel porto delle nebbie. E quei voti negati al piemontesista Allasia

di Roberto Gremmo - Continuo a ricevere segnalazioni sulla consegna del mio materiale elettorale spedito…

5 ore fa

“Il deficit si combatte solo con la crescita economia reale. Lo Stato è invadente, si perdono imprese”

"L'economia italiana, negli scorsi giorni, è stata al centro di un intenso scrutinio da parte…

5 ore fa

Unimpresa: Italia ed evasione Iva. In Europa peggio di Germania, Francia, Spagna e Olanda

Nel 2022 il nostro paese ha fatto notevoli miglioramenti nel contrasto all'evasione dell'IVA, ma il…

5 ore fa

BALLOTTAGGI – Al voto in più di 100 Comuni. Attesa per Firenze, Bari….

Urne aperte dalle ore 7, in oltre 100 comuni italiani, per i ballottaggi delle elezioni…

6 ore fa

IL SOLITO FILM – Lo Stato il peggior pagatore. Pmi del Sud quelle che aspettano di più. I ministeri maglia nera

122 miliardi di euro, ma ancora una volta non è riuscito a onorare tutti gli…

6 ore fa

Usiamo cookie per ottimizzare il nostro sito web ed i nostri servizi.

Leggi tutto