Generali Usa temevano golpe di Trump dopo elezioni

Lettura 2 min

Il capo degli Stati Maggiori Riuniti Usa, il generale Mark Milley, temeva che Donald Trump e i suoi alleati potessero tentare un colpo di Stato dopo la sconfitta alle elezioni presidenziali di novembre. Per questo i generali americani avevano messo a punto in modo informale una serie di misure per fermare Trump dal commettere azioni illegali e pericolose, paragonando la sua retorica a quella di Hitler. Lo riporta la Cnn citando estratti del libro “I Alone Can Fix It” scritto dai giornalisti del Washington Post Carol Leonnig e Philip Rucker, vincitori del Premio Pulitzer. Il volume, disponibile nelle librerie da martedì, racconta l’ultimo anno di presidenza Trump. E dedica attenzione al dietro le quinte, descrivendo come alti funzionari dell’Amministrazione Usa e la sua cerchia ristretta hanno gestito i suoi comportamenti dopo aver perso il elezioni del 2020 . Gli autori del libro hanno intervistato Trump per più di due ore e hanno ascoltato più di 140 fonti, per lo più a condizione di anonimato.

“Potrebbero provarci, ma non avranno successo”, ha detto un giorno Milley ai suoi vice a proposito del rischio di un tentato golpe, secondo quanto si legge nel libro. Un colpo di Stato “non si può farlo senza i militari. Non di può farlo senza la Cia e l’Fbi. Siamo noi che abbiamo le pistole”, avrebbe detto Milley, dicendosi pronto a ”stare all’erta”. Nei giorni prima dell’assalto al Congresso il ​​6 gennaio, scrivono Leonnig e Rucker, ”Milley ha detto al suo staff che credeva che Trump stesse alimentando disordini, forse nella speranza di una scusa per invocare l’Insurrection Act e chiamare i militari”. Milley vedeva Trump come “il classico leader autoritario che non ha nulla da perdere”, scrivono gli autori, e vedeva paralleli tra la retorica di Adolf Hitler come vittima e salvatore e le false affermazioni di Trump sulla frode elettorale. In vista di una “Million March” pro-Trump di novembre per protestare contro i risultati delle elezioni, Milley disse di temere un “equivalente americano moderno delle ‘camicie brune per le strade’”, riferendosi alla milizia filo-nazista che ha portato Hitler al potere.

Servizio Precedente

Meno di 1000 spettatori ad apertura Olimpiadi il 23 luglio

Prossimo Servizio

Badanti, l'Est Europa in casa nostra

Ultime notizie su Cronaca