Galli, Green pass non ha senso senza conoscere anticorpi

Lettura 1 min

 “Sui tamponi sono sempre stato estremamente perplesso, anche perché credo francamente che non si regga una valutazione della gestione del Green pass con la ripetizione del tampone. Non ha molto senso”. Così l’infettivologo Massimo Galli, intervenuto ad ‘Agorà’ su Rai3. “Considerando quello che fanno gli altri Paesi, forse, andrebbe rivalutato il ruolo della presenza o meno degli anticorpi. Se una persona, anche se non vaccinata, non produce anticorpi questa persona verosimilmente non è protetta”, prosegue Galli. Che sottolinea come “in Austria stanno chiudendo in casa le persone che non hanno il vaccino o non hanno anticorpi”.

Servizio Precedente

Centro Studi Dialogo - La lingua e la cultura romancia, seminario web venerdì 19 novembre

Prossimo Servizio

Indagati per istigazione a delinquere 17 attivisti no vax-no pass affiliati a gruppo Telegram "Basta dittatura"

Ultime notizie su Cronaca