Gadda (IV) con agricoltori Cia a Ravenna. “Servono risorse e tempi certi per il popolo operoso della Romagna”

25 Novembre 2023
Lettura 1 min

In lungo post su Facebook l’on. Maria Chiara Gadda, vicepresidente della Commissione Agricoltura alla Camera e vicepresidente a Montecitorio dei deputati di Italia Viva, ha fatto una efficace sintesi di un evento organizzato dalla Confederazione italiana agricolrori” Ecco il testo.

“Ieri a Bagnacavallo in provincia di Ravenna ho toccato con mano quanto i numerosi eventi catastrofici che si sono susseguiti negli ultimi mesi tra Ravenna, Rimini, Forlì e Cesena – siccità, gelate, alluvione, grandine e da ultimo persino un violentissimo tornado – abbiano messo a dura prova i cittadini e filiere agricole di eccellenza del made in Italy a partire dall’ortofrutta. Qui c’è gente operosa, ma questo non può essere un alibi per pensare che un territorio così questa volta possa farcela da solo.

Non servono polemiche, ma risorse e tempi certi per le misure di sostegno promesse. Ho apprezzato molto la maturità del dibattito, indirizzato certamente all’emergenza, ma soprattutto volto a mettere in atto tutte le condizioni affinché la nostra agricoltura sia più resiliente di fronte a questi eventi. Strumento assicurativo, piano di adattamento ai cambiamenti climatici e infrastrutture, liquidità delle imprese, agricoltura di collina e montagna, misure di protezione attiva. Insomma torno a casa con numerosi elementi di riflessione su cui lavorare. Grazie al presidente Danilo Misirocchi Cia – Agricoltori Italiani Emilia Romagna e al presidente del Consorzio Stefano Francia”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

SBARRA (CISL) : CORRESPONSABILITÀ NELLE SCELTE DI SVILUPPO DEL PAESE

Prossimo Servizio

Cuneo fiscale, scarso effetto sulle tredicesime

Ultime notizie su Cronaca

L’ipotesi del guasto nel down di Microsoft

A proposito del caos informatico che si sta verificando a livello globale – con utenti di Microsoft che non riescono ad accedere a diverse app e servizi, con effetti su trasporti banche e comunicazioni
TornaSu