Fondi Lega: Sostegni a pm, volevo aprire ristorante

Lettura 1 min

“Il mio sogno era aprire un ristorante stile macelleria, dove vendere i miei prodotti toscani e magari fare della buona carne”. Lo ha confessato ai pm di Milano che indagano sul caso Lombardia Film Commssion e su presunti fondi neri per la Lega, Luca Sostegni, il prestanome di Michele Scillieri, uno dei commercialisti finiti agli arresti domiciliari, in uno dei suoi 5 interrogatori resti a partire da luglio scorso, quando è stato fermato e portato a San Vittore. Sostegni, 62 anni, su disposizione del gip Giulio Fanales, che ha accolto la richiesta della difesa, è stato scarcerato e posto ai domiciliari a casa di un amico, in una villetta fuori Parma immersa nella campagna. A chi la visto Sostegni è parso provato e dimagrito. In cella per 4 mesi per passare il tempo ha scritto anche poesie da regalare agli amici, in genere per Natale.

Servizio Precedente

Linea Verde nella nostra Cremona, patrimonio immateriale dell'umanità per l'Unesco

Prossimo Servizio

E Salvini pensa a una federazione del centrodestra, col Cav. Ma in Europa resta dov'è...

Ultime notizie su Cronaca