Figli desiderati e figli concepiti. In Italia il divario più ampio d’Europa

Lettura 5 min

Il numero di figli desiderato è più alto di quello effettivamente realizzato. Tra i 25 ed i 39 anni, il 61% delle donne e il 65% degli uomini vorrebbero infatti avere più figli, ma, per diverse ragioni, il numero di figli effettivamente avuto al termine della vita riproduttiva è effettivamente più basso, con un numero significativo di coppie che, pur desiderandoli, non ha figli. Ne ha parlato con il dottor Mario Mignini Renzini, referente medico per gli aspetti clinici dei Centri Eugin in Italia e responsabile del Centro di PMA della Casa di Cura La Madonnina di Milano

Il 54% delle donne ed il 56% degli uomini desidera avere due figli. Ma esiste un significativo divario tra il numero di figli desiderati all’inizio della vita riproduttiva di una donna e il numero di figli effettivamente avuti al termine della stessa.

Uno studio1 ha analizzato questo divario in 19 paesi europei e negli Stati Uniti e ha dimostrato come, in media, le donne di 40/42 anni abbiano avuto meno figli di quelli che si aspettavano di avere quando pensavano al loro progetto di famiglia all’età di 20/24 anni. Inoltre, molto più spesso del previsto, le donne sono rimaste addirittura senza figli.

I risultati di questo studio rivelano modelli nazionali distinti con un divario più ampio nei paesi dell’Europa meridionale (Grecia, Italia, Portogallo e Spagna) – dove si registrano, da un lato, tassi di occupazione femminile inferiori che antepongono i problemi economici alla genitorialità, e, dall’altro, per le donne con elevata istruzione, carenze di piani di supporto coerenti e continuativi che permettono di conciliare maternità e lavoro. Il divario tra numero di figli desiderati e concepiti è più piccolo nei paesi dell’Europa centrale e orientale. Le differenze tra i paesi suggeriscono come fattori esterni – norme sulla genitorialità, lavoro, politiche familiari, disoccupazione – possano modellare gli obiettivi di fertilità delle donne, la dimensione reale della famiglia e il divario esistente tra esse.

“Se ci soffermiamo sui risultati che riguardano l’Italia, ci accorgiamo che poco più del 2 % delle donne tra i 20 ed i 24 anni dichiara di non volere figli, ma che quelle che effettivamente non ne hanno sono più del 20%, il valore più alto tra tutti i Paesi coinvolti nello studio.” spiega il dottor Mario Mignini Renzini, referente medico per gli aspetti clinici dei Centri Eugin in Italia e responsabile del Centro di PMA della Casa di Cura La Madonnina di Milano. “Il tasso di assenza involontaria di figli in Italia – come nella maggioranza degli altri Paesi – è maggiore in donne con livello di istruzione più elevato”.

“Le cause di questo divario possono essere molteplici.” spiega il dottor Mignini Renzini. “Anche alcuni mutamenti sociali possono essere responsabili di un numero di figli che non rispecchia il desiderio inziale della coppia e tra questi troviamo l’aumento dell’occupazione femminile, con percorsi che non agevolano la convivenza tra carriera e genitorialità, l’aumento del costo della vita e le insufficienti politiche di tutela della famiglia. Il numero di donne che decide di procrastinare la maternità o è costretta a farlo è in continuo aumento. Instabilità economica, assenza di un partner, motivi di salute e, in moltissimi casi, disinformazione, sono tra le cause principali.” spiega il dottor Mario Mignini Renzini. “Spesso si procrastina la maternità perché non si è stati correttamente informati sui limiti della vita fertile e questo porta a una diminuzione della fertilità e a maggiori rischi materno-fetali. Il nostro compito come specialisti è dunque quello di promuovere l’informazione, la prevenzione e la preservazione della fertilità sia femminile che maschile”.

Dottor Mario Mignini Renzini

Referente medico per gli aspetti clinici dei Centri Eugin in Italia e responsabile del Centro di PMA della Casa di Cura La Madonnina di Milano

Cinica Eugin

Clinica Eugin, parte del gruppo Fresenius, rappresenta in Europa uno dei più qualificati operatori specializzati in Procreazione Medicalmente Assistita.

1 The Gap Between Lifetime Fertility Intentions and Completed Fertility in Europe and the United States: A Cohort Approach – Eva Beaujouan, Caroline Berghammer – Population Research and Policy Review, February 2019

Servizio Precedente

Dal lavoro straniero il 9% del Pil

Prossimo Servizio

Centrodestra, stesso menù di Governo ma si vota pro o contro a seconda di chi comanda

Ultime notizie su Cronaca