Entro il 9 novembre Conte prepara la nuova stretta. Lockdown tra regioni, se basta

Lettura 1 min

Il 9 novembre è il termine massimo ma può essere che il nuovo dpcm arrivi prima, fissando nuove chiusure per le attività commerciali, smart working ovunque dove si può, un limite per gli spostamenti interregionali, con il ricorso all’autocertificazione.

Tutto per scongiurare il cosiddetto scenario 4, ovvero un quadro di contagi incontrollato che farebbe saltare il sistema sanitario nazionale. Se non è un lockdown totale poco ci manca. Le regioni più monitorate per l’alto indice di contagio si sa che sono Lombardia, Piemonte, Campania, Liguria, Umbria e Valle d’Aosta, con un Rt sopra 1,5 da tre settimane.

Palazzo Chigi dovrà decidere se chiudere da subito per un mese, lasciando aperte come in Francia scuole e fabbriche e generi di prima necessità; una mobilità regionale e comunale. Ultima opzione, quella finale, è tornare alla chiusura come a marzo.

Default thumbnail
Servizio Precedente

Quando il Partito Democratico americano vedeva la "schiavitù" come un bene "positivo"

Prossimo Servizio

La solitudine della Francia che va alla guerra