Draghi rompe il silenzio: situazione peggiore di quel che sembra

Lettura 3 min

 La situazione e’ peggiore di quel sembra, specie per le piccole e medie imprese. E per questo le “autorita’ devono agire urgentemente”. E’ l’appello lanciato da Mario Draghi nella veste di co-presidente del gruppo di lavoro del G30. Un invito ad agire condiviso anche dalla Fed che, a piu’ riprese, ha esortato il Congresso statunitense ad agire e a farlo in tempi rapidi con nuovi aiuti all’economia travolta dal virus.

Un appello che Jerome Powell, presidente della banca centrale Usa, ripetera’ probabilmente al termine dell’ultima riunione del 2020 della Fed, in calendario martedi’ e mercoledi’ prossimi. Non sono attese novita’ sul fronte dei tassi di interesse ma la Fed potrebbe intervenire e allungare il suo programma di acquisto di bond nel tentativo di dare alla ripresa il sostegno necessario in attesa che il Congresso agisca. Le trattative a Washington proseguono ma fra i democratici e i repubblicani un accordo sembra ancora lontano nonostante i tempi stretti e il Covid tornato a correre negli Stati Uniti, dove nel giorno della somministrazione del primo vaccino e’ stata toccata la quota di 300.000 morti da inizio pandemia nella primavera scorsa.

I contagi corrono in tutto il paese e molte citta’ americane stanno correndo ai ripari con nuove restrizioni. A cominciare da NEW YORK, che non esclude un nuovo shutdown totale, mentre Boston ha gia’ annunciato la chiusura delle palestre, dei musei e di altre attivita’ ritenute non essenziali. Insomma si profila un nuovo blocco all’orizzonte per l’economia e per gli americani che, senza ulteriori aiuti e stimoli alla ripresa produttiva, rischiano di pagare un conto ancora piu’ salato in termini di lavoro e di reddito.

“Le autorita’ devono agire urgentemente” perche’ “in molti settori e Paesi siamo sull’orlo del precipizio in termini di solvibilita’, specialmente per le piccole e medie imprese, con i programmi di sostegno in scadenza e il patrimonio esistente che viene eroso dalle perdite”, ha ammonito in modo eloquente Draghi, che e’ anche nel comitato di direzione del think tank di consulenza su questioni di economia monetaria e internazionale. “Il problema – ha aggiunto l’ex presidente della Bce – e’ peggiore di quel che appare perche’ il massiccio aiuto in termini di liquidita’, e la vera e propria confusione causata dalla natura senza precedenti di questa crisi, ne stanno mascherando le vere dimensioni”. 

Servizio Precedente

Solidarietà de lanuovapadania ai colleghi Borzi e Bonazzi. A processo per violazione del segreto di Stato

Prossimo Servizio

New York, parte la vaccinazione di massa. Pronto un nuovo lockdown

Ultime notizie su Cronaca