Dopo la Francia la Germania: ipotesi lockdown da lunedì 2 novembre ma negozi e scuole non chiudono

Lettura 1 min

Mentre è solo questione di ore la formalizzazione del lockdwon francese con l’intervento atteso del presidente Macron, anche la Germania si prepara alla serrata, con dei distinguo però. Secondo le indiscrezioni il piano di lockdown prevederebbe la chiusura di bar e ristoranti, ma lascerebbe invece aperte le scuole. La Germania ha fatto registrare nelle ultime 24 ore 14.964 nuovi casi di positività al coronavirus, per un totale complessivo dei contagi dall’inizio dell’epidemia di 464.239. Il governo tedesco sta negoziando con i governatori dei Laender un lockdown già a partire dal lunedì prossimo: è quanto pubblica il quotidiano tedesco Bild, che in precedenza aveva indicato la data possibile del 4 novembre. Secondo la Bild è in corso una videoconferenza fra i governatori e la Cancelliera Angela Merkel per discuetere la nuova ipotesi di inizio del confinamento al 2 novembre.

Da prime indiscrezioni, il vertice avrebbe deciso che le scuole e gli asili resteranno aperti anche a novembre, nonostante l’aumento dei casi di contagio di coronavirus. Sul tavolo anche la chiusura di bar e ristoranti, mentre negozi al dettaglio e all’ingrosso potranno rimanere aperti nel mese di novembre. Inoltre, non sono consentiti incontri di oltre due nuclei abitativi insieme, e non si potranno superare le 10 persone.

Servizio Precedente

Bonomi, Confindustria: sacrifici italiani rovinati da governo e regioni

Prossimo Servizio

Commercianti in piazza a Verona: il conto della crisi non fatelo pagare a noi