Discoteche, Conte scarica tutto sulle Regioni. “Mai detto di riaprire”

19 Agosto 2020
Lettura 1 min

Chi l’ha detto che le strutture della movida potevano ripartire? Con una piroetta strategica il governo afferma che il via libera da Palazzo Chigi non è mai arrivato.

“Il governo non ha mai autorizzato l’apertura delle discoteche. Abbiamo sempre ritenuto impensabile che in una discoteca si possano mantenere distanze e indossare le mascherine. È chiaro che sono luoghi privilegiati di diffusione del contagio”. Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in un’intervista al Fatto Quotidiano. “Alcune Regioni, tuttavia, hanno voluto adottare protocolli sanitari ritenendoli compatibili con la riapertura delle discoteche – spiega Conte -. Abbiamo lasciato fare per alcuni giorni, ma quando abbiamo constatato che la curva epidemiologica rischiava di risalire siamo intervenuti e in Conferenza delle Regioni abbiamo, ancora una volta, dato tutti prova di grande collaborazione, convincendo anche i presidenti regionali più riluttanti a disporre la chiusura. Con l’occasione, abbiamo garantito un intervento di sostegno finanziario per tutti gli operatori del settore”.

(red)

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Briatore contro sindaco Arzachena: “Ordinanza fa chiudere il Billionaire. La musica porta il virus?”. Replica di Ragnedda

Prossimo Servizio

Bollette e tasse si mangiano metà del bilancio familiare

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu

Don't Miss