Crollo Silicon Valley Bank, la banca mondiale delle start up. Trema il mondo

12 Marzo 2023
Lettura 4 min

Il sequestro dei beni della Silicon Valley Bank, sedicesima banca della nazione, ha segnato il più grande fallimento di un istituto finanziario statunitense dall’apice della crisi finanziaria quasi 15 anni fa e il secondo più grande fallimento bancario nella storia degli Stati Uniti dopo il crollo della Washington Mutual nel 2008. La banca serviva principalmente lavoratori della tecnologia compagnie sostenute da venture capital, inclusi alcuni dei marchi più noti del settore. “Questo è un evento livello estinzione per le startup”, ha affermato Garry Tan, CEO di Y Combinator, un incubatore di startup che ha lanciato Airbnb, DoorDash e Dropbox e ha indirizzato centinaia di imprenditori alla banca. “Ho letteralmente sentito centinaia di nostri fondatori chiedere aiuto su come superare tutto questo. Chiedono: ‘Devo licenziare i miei lavoratori?'”. Sembravano esserci poche possibilità che il caos si diffondesse nel settore bancario, come accadde nei mesi precedenti la Grande Recessione. Le banche più grandi – quelle che più probabilmente causeranno un tracollo economico – hanno bilanci sani e capitale in abbondanza. Quasi la metà delle società tecnologiche e sanitarie statunitensi che sono diventate pubbliche lo scorso anno dopo aver ottenuto finanziamenti anticipati da società di capitale di rischio erano clienti della Silicon Valley Bank, secondo il sito web della banca. La banca si vantava anche dei suoi legami con le principali società tecnologiche come Shopify, ZipRecruiter e una delle principali società di capitale di rischio, Andreesson Horowitz.

Il crac della Sillicon VALLEY Bank, la banca californiana riferimento per le startup Usa, mette a rischio le stesse società. I dipendenti della start-up Flow Health, scrive il ‘Washington Post’, non hanno ricevuto lo stipendio venerdì mattina. E i dipendenti di Flow Health, rileva il quotidiano Usa, “sono solo una piccola parte delle migliaia di persone che probabilmente saranno colpiti dallo straordinario fallimento della SILICON VALLEY Bank”. Si tratta infatti del secondo più grande fallimento bancario nella storia degli Stati Uniti. E le ripercussioni del crac di Svb, che è la sedicesima banca negli Stati Uniti, mettono a rischio alcune startup. I fondatori di alcune società, scrive il ‘Washington Post’, “temono di essere costretti a licenziare i lavoratori se il denaro detenuto dalla banca fosse stato congelato o perso. Grandi aziende come Roku, uno dei leader mondiali di piattaforme di video streaming e il produttore di videogiochi Roblox hanno avvertito gli investitori che avevano centinaia di milioni in contanti depositati presso la SILICON VALLEY Bank che potrebbero essere in pericolo. E alcuni fondi di Venture Capital hanno cancellato incontri programmati con le start-up, incerti sugli effetti a catena per il settore. Altre start-up hanno assicurato pubblicamente ai clienti di non essere esposti”. La Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic) è stato nominato curatore fallimentare e le filiali della banca dovrebbero riaprire lunedì. La Fidc garantirà solo depositi fino a 250 mila dollari. Le attività della banca ammontavano a più di 200 miliardi di euro e circa 175,4 miliardi di dollari di depositi totali alla fine di dicembre. Circa 42 miliardi di dollari sono stati prelevati dalla banca solo giovedì, secondo il Dipartimento per la protezione finanziaria e l’innovazione della California. La SILICON VALLEY Bank aveva rapporti con più della metà delle società sostenute da venture capital negli Stati Uniti. “Se non ci sarà un rapido salvataggio della banca, le conseguenze potrebbero essere disastrose per molte start-up e per il più ampio panorama tecnologico”, ha affermato Garry Tan, Ceo di Y Combinator, uno dei più importanti incubatori di start-up della SILICON VALLEY

Il crollo della SILICON VALLEY Bank arriva in un momento in cui le aziende tecnologiche stanno attraversando un periodo particolarmente difficile, con un calo delle contrattazioni e con decine di migliaia di licenziamenti annunciati. Dopo anni di rapida crescita, il settore ha rallentato. L’improvviso crollo di una delle istituzioni chiave del settore, scrive il quotidiano Usa, “sta alimentando i timori che la situazione economica del settore possa essere peggiore di quanto sospettato”. “Ci sono un sacco di aziende che non possono pagare gli stipendi dei loro dipendenti perché i loro soldi sono bloccati in Ssv”, ha detto Brad Hargreaves, che ha co-fondato General Assembly ed è fondatore e Ceo di Common. “Penso che ci saranno licenziamenti causati da questo fenomeno”.

Fondata nel 1983, la SILICON VALLEY Bank ha sostenuto l’industria tecnologica durante gli alti e bassi degli ultimi quattro decenni. Durante il boom delle start-up seguito alla crisi finanziaria del 2008, la banca è cresciuta rapidamente, sfruttando la sua reputazione di soddisfare le esigenze di start-up ambiziose in rapida crescita. Le aziende che hanno raccolto denaro dai venture capitalist lo hanno depositato presso la banca. Anche gli stessi venture capitalist si sono appoggiati alla banca per finanziare investimenti in nuove start-up. E i lavoratori e i dirigenti del settore Usa hanno utilizzato la banca per la propria gestione patrimoniale personale e per finanziare mutui. 

Il segretario al Tesoro Usa Janet L. Yellen ieri ha detto che stava monitorando la situazione e Cecilia Rouse, presidente del Consiglio dei consulenti economici della Casa Bianca, ha affermato che gli stress test bancari istituiti sulla scia della crisi del 2008 significavano che il sistema finanziario era pronto a “resistere a questo tipo di di shock”. Roblox ha spiegato agli investitori che circa 150 milioni di dollari dei suoi 3 miliardi di dollari in contanti sono stati depositati presso la SILICON VALLEY Bank. Roku ha affermato che 487 milioni dei suoi 1,9 miliardi di dollari in contanti erano detenuti dalla banca. Il produttore di apparecchiature mediche iRhythm Technologies ha affermato che 54,5 mln di dollari dei suoi 213 mln in contanti e investimenti a breve termine erano detenuti da Svb. Parker Conrad, il Ceo del fornitore di servizi di pagamento Rippling, ha spiegato ieri in un tweet che alcune elaborazioni si sono bloccate perché la banca contribuiva a gestire i pagamenti. Rippling si è rivolta a Jp Morgan Chase e ha spiegato che avrebbe inviato denaro ai dipendenti entro lunedì al più tardi. 

Foto di Madhur Chadha 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Pnrr, il Sud non riesce a organizzarsi per spendere i fondi. E’ una novità?

Prossimo Servizio

Fermiamo l’esodo degli operatori sanitari

Ultime notizie su Cronaca

Caso Vannacci, la Lega: Giustizia a orologeria

“E’ motivo di orgoglio che un coraggioso servitore della Patria come Roberto Vannacci venga accostato alla Lega”, si legge in una nota del partito. “L’indagine a suo carico conferma il nervosismo di chi teme il
TornaSu