Covid, Nas: 46 ambulanze non rispettano norme sicurezza

Lettura 6 min

Nell’ambito dell’attuale emergenza sanitaria, il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute ha rafforzato i controlli in materia di prevenzione alla diffusione epidemica da COVID-19 realizzando, in condivisione con il Ministero della Salute, uno specifico servizio di controllo in campo nazionale sulle autoambulanze utilizzate per il trasporto di pazienti, con particolare riferimento alla corretta esecuzione delle operazioni di sanificazione e disinfezione, al fine di tutelare sia i pazienti che gli operatori dai rischi di possibile contagio biologico nel corso del trasporto.

Le attivita’ di controllo originano da un episodio, riscontrato nella provincia di Napoli, di accertata assenza di adeguate procedure preventive e di sanificazione dei mezzi di emergenza impiegati nel trasporto di pazienti, sia con patologie ordinarie che riconducibili all’infezione da Covid-19, con potenziale rischio di diffusione del contagio.

Gli interventi eseguiti dai NAS, nella sola ultima settimana, hanno interessato 945 ambulanze impiegate in servizi di emergenza-urgenza sanitaria e nel trasporto di infermi, individuando 46 mezzi non conformi alle normative sulla sicurezza degli operatori e delle persone trasportate a bordo. Il servizio ha determinato la contestazione di 15 violazioni penali e 29 amministrative rilevando la mancanza di protocolli e di idonee procedure di pulizia e sanificazione dei vani dei mezzi sanitari (in 16 casi) e di mancato possesso ed uso di dispositivi di protezione individuale, come mascherine, guanti e camici monouso, a volte privi di certificato di conformita’ o smaltiti in modo irregolare (13 episodi contestati).

Durante i controlli, sono state contestate ulteriori 51 irregolarita’ penali ed amministrative in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, quali la mancata attuazione dei sistemi di prevenzione incendi e di revisione degli estintori, la presenza di farmaci e dispositivi medici scaduti di validita’ a bordo dei mezzi nonche’ l’impiego dei veicoli sanitari in destinazioni d’uso diverse da quelle previste. Proprio a causa di gravi carenze igienico-gestionali e di impiego di mezzi in attivita’ non consentite, spiega la nota dei NAS, e’ stato eseguito un provvedimento di sospensione dell’attivita’ con divieto d’uso di 4 veicoli sanitari appartenenti ad un’azienda privata ed un fermo amministrativo di un veicolo-ambulanza non impiegabile per servizi di pronto intervento sanitario.

Nella stragrande maggioranza dei casi, le sanzioni sono state principalmente contestate nei confronti di aziende private e di associazioni di volontariato onlus attive nei trasporti 2 sanitari, sia in convenzione con il 112/118 afferente al servizio sanitario regionale, sia per il trasferimento di persone disabili o inferme.

Tra gli interventi, si segnalano: NAPOLI Nel corso di un’ispezione presso il presidio sanitario ‘Elena D’Aosta’, e’ stata controllata una ditta operante per l’ASL accertando l’assenza di procedure e protocolli operativi attinenti all’esecuzione delle operazioni di disinfezione delle autoambulanze del ‘servizio 118′ impiegate per servizi di trasporto pazienti, anche affetti da SARS-CoV2. A conclusione di una verifica presso la sede operativa di una cooperativa onlus aggiudicataria del servizio di trasporto infermi in emergenza 118 con le ASL di Napoli e Caserta, e’ stata rilevata la mancata applicazione delle procedure sull’igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro connesse col rischio biologico da sars-cov-2 per i dipendenti e i volontari impiegati. Il titolare, quale datore di lavoro, e’ stato deferito all’A.G..

 MILANO Rilevate gravi carenze funzionali e igienico sanitarie nella dotazione di bordo di ambulanze ispezionate con presenza di dispositivi medici scaduti di validita’.

CREMONA Sequestro amministrativo di 2.000 mascherine protettive facciali prive di certificazione di conformita’ CE.

PESCARA Individuata un’ambulanza per trasporto infermi e feriti in funzione nonostante la presenza di infiltrazioni di acqua dal tetto nel vano sanitario, rientro dei gas di scarico all’interno del vano sanitario, riscaldamento non funzionante nonche’ oltre 400mila km di percorrenza.

ROMA Nel corso di un’ispezione nelle adiacenze dell’ospedale Gemelli, unitamente alla Stazione Carabinieri di Roma-Monte Mario, e’ stato eseguito il fermo amministrativo di un veicolo-ambulanza impiegato in interventi di urgenza e pronto soccorso sebbene autorizzato a diversa destinazione d’uso. Inoltre e’ stato contestato l’utilizzo dei dispositivi acustici/visivi di emergenza in assenza di condizioni di motivata necessita’.

LATINA Al termine di accertamenti svolti su alcune postazioni di pronto intervento nell’area pontina, sono state deferite all’A.G. 4 persone tra dirigenti pubblici e titolari di aziende private per aver omesso di: – procedere alla formazione degli operatori e documentare l’assegnazione dei prescritti D.P.I.; – predisporre i protocolli operativi per la prevenzione dal covid-19; – revisionare gli estintori – eseguire il corretto smaltimento dei rifiuti speciali sanitari;

PALERMO Nel corso di un’ispezione su una ambulanza operante per l’ospedale di Termini Imerese e’ stata accertata la presenza di tre bombole di ossigeno medicinale scadute di validita’ nonche’ la mancanza di alcuni dispositivi per il contenimento della diffusione del covid-19.

REGGIO CALABRIA Eseguito il sequestro di 60 confezioni di biocida utilizzato quale sanificante per ambienti e per il vano autombulanze, risultato privo dell’autorizzazione all’immissione in commercio. 

Servizio Precedente

Chiesa: tradizionalisti e modernisti entrambe sul sentiero del declino

Default thumbnail
Prossimo Servizio

Ricciardi: per Napoli lockdown, altro che zona gialla