Cospito e la lanterna magica. Ci sono bombe e… bombe?

6 Febbraio 2023
Lettura 1 min

di Cuore Verde – “Qualunque siano le idee suggerite alle folle, esse non possono diventare dominanti che alla condizione di rivestire una forma semplicissima e di essere rappresentate nel loro spirito sotto l’aspetto di un’immagine. Siccome queste idee-immagini non sono unite da nessun legame logico d’analogia o di successione, possono sostituirsi una all’altra come le lastre della lanterna magica che l’operatore leva dalla scatola dove stavano sovrapposte. Dunque, si può vedere nelle folle una successione d’idee disparatissime. Secondo i casi, la folla sarà posta sotto l’influenza di una delle diverse idee immagazzinate nella sua mente, e di conseguenza commetterà gli atti più dissimili. La completa assenza di spirito critico non le permette di vederne la contraddizione.” 

(La Psicologia della Folle, Gustave Le Bon – 1895)

La “lanterna magica” dei nostri tempi, la televisione, in questi giorni ci propone con grande enfasi le polemiche suscitate dal “caso Cospito”. I Fratelli d’Italia che attaccano il PD in relazione a “clamorose” rivelazioni, declamate pubblicamente nelle aule parlamentari, che alluderebbero a presunte collusioni tra anarchici e mafiosi per abolire il “41 bis”. Con annesse proteste in piazza.

Non mi voglio addentrare nell’analisi delle evidenti banalità di questa comunicazione apparentemente ingenua ma certamente strumentale. Senza tener conto dei paradossi: un atto “gandhiano” di protesta come il digiuno, quando riceve una deliberata attenzione mediatica, appare molto più efficace di talune azioni dimostrative violente. Idee che “vengono suggerite alle folle”, come scrive Gustave Le Bon, “rivestite di forma semplicissima”. Voglio invece ricordare che, la settimana scorsa, il sondaggio di Alessandra Ghisleri evidenziava come il vero crinale sul quale si divide attualmente l’opinione pubblica, con la maggioranza a sfavore, sia quello relativo all’invio delle armi all’Ucraina.

Il 52% è contrario. Insomma, la grave questione della nostra sostanziale partecipazione al conflitto. La polemica sull”anarchico che parla con i mafiosi, nata nei palazzi del potere romano, rischia invece di polarizzare l’opinione pubblica entro i classici schemi dello scontro  tra “patrioti” e “antipatrioti”.

Polarizzare, ovvero, distrarre l’opinione pubblica su una questione di archeologia politica da anni ’70. Un arcaico gioco  di ruolo nel quale rischiano di essere attirate ed ingabbiate anche aree di dissenso “alternative” rispetto a questi schemi. A questo gioco di ruolo, si sono dedicati, negli ultimi settant’anni, i “migliori” cervelli italici: intellettuali, scrittori, giornalisti, filosofi, accademici, storici, politologici. Un gioco chiaramente a somma zero e di nessuna utilità per la maggior parte dei cittadini. Nel pieno rispetto di tutte le opinioni, anche le più controverse, sulla vicenda dell’anarchico Cospito, auspico che tutti i “dissidenti” rispetto alle questioni di recente attualità, democratici nel pensiero e nell’azione, non si facciano “ingabbiare” in questo banale schema “dualistico” che, allo stato attuale, si presenta come una chiara forma di distrazione di massa. Come scrive ancora Gustave Le Bon, “la completa assenza di spirito critico” non permette alla folla “di vederne la contraddizione”.

Foto di Amir Arabshahi 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Autonomia? Sala: Milano dà a Roma 19 miliardi e 200 milioni di tasse ma gliene mancano poi 50 per salvare i centri estivi e le case vacanza per i bambini

Prossimo Servizio

Terremoto. 5mila morti tra Turchia e Siria, una catastrofe senza fine

Ultime notizie su Cronaca

Allerta gialla ancora al Nord

Ancora piogge e temporali al nord , allerta gialla in quattro regioni. Un nuovo impulso perturbato, di origine atlantica, in rapido avvicinamento alle regioni settentrionali del nostro Paese, porterà ancora condizioni di

E Ciocca rilancia Miss Padania. Dopo 12 anni

Dopo 12 anni di stop, torna Miss Padania by Ciocca, il concorso che valorizza la bellezza dei valori e le tradizioni del Nord Italia. L’evento, fortemente voluto dall’europarlamentare della Lega Angelo Ciocca,
TornaSu

Don't Miss