Corte dei Conti: “Lo Stato invia gli aiuti Covid ma la Sicilia non spende: servizi negati ai disabili”

Lettura 2 min

 “Lo Stato invia gli aiuti Covid ma la Sicilia non spende: servizi negati ai disabili”. L’impietosa analisi della Corte dei conti sul corretto adempimento delle misure di emergenza per far fronte al forte incremento della domanda di protezione sociale diffusa e di tutela delle persone fragili nel corso della pandemia è stata diffusa oggi da ‘Asud’Europa’, la rivista del Centro Pio la Torre. In particolare, i magistrati contabili hanno verificato l’utilizzo del Fondo di sostegno per le strutture semiresidenziali per persone con disabilità istituito dal decreto Rilancio. Secondo i dati pubblicati, dei circa 40 milioni di euro trasferiti alle regioni, soltanto poco più di 17 sono stati erogati alle strutture. Basilicata, Campania, Puglia e Sicilia non hanno dimostrato l’erogazione ai centri semiresidenziali delle risorse acquisite, le altre hanno utilizzato i fondi assegnati in una percentuale variabile da un minimo dell’1 per cento fino al 100 per cento delle più virtuose.

“Alla Sicilia è toccato l’8,6 per cento del fondo pari a 3.440.000 euro – spiega il vicepresidente del Centro Pio la Torre, Franco Garufi -, tuttavia alla data dell’analisi della Corte nessuna risorsa risultava ancora erogata alle strutture”. Gli uffici dell’amministrazione regionale, pur avendo acquisito nel bilancio la liquidità corrispondente alle risorse trasferite dal Governo nazionale, si sono limitati a comunicare di aver avviato le procedure per l’attribuzione delle indennità agli enti gestori. “Poiché si tratta di interventi rilevanti, di per sé capaci di modificare in positivo la condizione esistenziale dei soggetti più fragili – conclude Garufi -, appare necessario e urgente che le competenti amministrazioni regionali chiariscano se, quando e in che misura le risorse ricevute sono state trasferite alle strutture destinatarie. Oppure, qualora ciò non si sia ancora verificato, quando intendono farlo”. 

Servizio Precedente

Il gas a più 740%. Produzione si dovrà fermare?

Prossimo Servizio

Putin, e il tira e molla sui corridoi umanitari. Solo con la resa di Kiev?

Ultime notizie su Cronaca