Coronavirus, studio USA “rivela” che chi è contrario a distanziamento e non usa la mascherina ha ridotte capacità cognitive

Lettura 1 min

Dagli USA sono sicrui, chi non rispetta le norme sul distanziamento sociale o non indossa la mascherina che protegge se stesso e gli altri dal Covid ha una maggiore possibilità di avere ridotte capacità cognitive. Sarà vero?

Lo studio è stato condotto da un team di ricerca americano, guidato da scienziati dell’Università della California di Riverside, in collaborazione con i colleghi dell’Istituto Nazionale sui Disturbi Neurologici e Ictus presso i National Institutes of Health (NIH) di Bethesda. Come riporta TPI, Secondo gli scienziati, tutti coloro che si rifiutano di seguire le misure introdotte per ridurre il numero dei contagi da Covid-19 tendono ad avere una ridotta capacità della memoria di lavoro, ovvero una componente della memoria a breve termine, strettamente connessa alla prontezza del processo decisionale e al ragionamento. Lo studio in questione è stato pubblicato sulla rivista scientifica PNAS..

Servizio Precedente

Dai social. Segnalazioni scie sopra tutto il territorio nazionale

Prossimo Servizio

Influenza: su prezzo dei vaccini, Procura Milano apre inchiesta. Sotto la lente la gara della Regione Lombardia