Corea del Sud: 5 livelli di distanziamento a seconda del numero di contagi

Lettura 1 min

 Il primo ministro della Corea del Sud, Chung Sye-kyun, ha annunciato oggi un nuovo sistema di distanziamento sociale basato su cinque livelli invece dei tre precedenti (1, 1,5, 2, 2,5 e 3) in base al numero medio di infezioni giornaliere per settimana. Il livello 1 indica una trasmissione controllabile che consente alle persone di svolgere la loro vita ordinaria indossando mascherine e mantenendo le distanze.

Il livello 1,5 prevede restrizioni per alcune strutture polifunzionali. Al livello 2 si ritiene che la pandemia si diffonda a livello nazionale e nelle zone colpite vengono scoraggiati spostamenti e raduni all’aperto.

A partire da questo livello i ristoranti dopo le 21 devono limitarsi ai servizi di asporto e consegna. Il livello 2,5 corrisponde a una risposta del sistema sanitario superiore all’ordinario e il governo raccomanda alla popolazione di restare a casa.

Al livello 3, con più di 800 nuovi casi giornalieri per una settimana, scatta il lockdown. Oggi il Paese, secondo i dati dell’Agenzia di controllo e e prevenzione delle malattie (Kdca), ha registrato 124 nuovi casi di contagio, di cui 101 trasmessi localmente. 

Photo by Ciaran O’Brien 

Servizio Precedente

Trump tuona contro l'Italia e l'Europa per i lockdown

Prossimo Servizio

Smentite indiscrezioni su lockdown. Regioni prendono distanze. E' giallo su decreto