Coppia toscana bloccata in India. Era lì per adozione, mamma positiva a tampone

Lettura 2 min

L’ambasciata italiana a New Delhi si e’ attivata per aiutare la coppia della provincia di Firenze, partita per l’India una ventina di giorni fa, per l’adozione di una bambina, e rimasta bloccata a New Delhi perche’ la donna, Simonetta Filippini, e’ risultata positiva al tampone. Attualmente la situazione della signora e del marito Enzo Galli, e’ complicata, ma sotto controllo, fa sapere Andrea Zoletto, direttore generale di International Adoption, l’associazione che ha seguito la coppia.

“Siamo costantemente in contatto con il signor Galli – spiega Zoletto -, lui e la bambina sono in un albergo a 5 stelle in assoluta sicurezza e stanno bene. La signora si trova in un albergo sanitario, in camera con un’altra persona. Questa mattina, grazie al medico dell’ambasciata italiana, ha potuto fare un altro tampone, il risultato e’ atteso in 48 ore: se fosse negativo l’ambasciatore garantisce l’imbarco su un volo Klm o Air France, ma fosse positiva dovra’ rimanere li’ almeno una decina di giorni, le autorita’ indiane sono di un rigore estremo su questo”. Nel caso fosse positiva, il prossimo tampone dovrebbe essere fatto tra 8 giorni, tempo durante il quale la donna restera’ nella struttura. A complicare la situazione, secondo quanto appreso, anche problemi di comprensione per lingua e “purtroppo il loro accompagnatore, un nostro uomo – aggiunge Zoletto -, e’ rimasto bloccato con il lockdown e puo’ fare soltanto assistenza da remoto”.

Tuttavia la situazione sembra essere piu’ serena grazie all’intervento dell’ambasciata. “Il console sente il marito piu’ volte al giorno – conferma Zoletto – devo dire che da parte delle autorita’ italiane l’assistenza e’ massima”. L’incubo della coppia fiorentina e’ iniziato poco prima del rientro in Italia con la bambina appena adottata. Poche ore prima di salire in aereo, con le valigie in mano, la signora e’ risultata positiva ed e’ stata portata subito in un ospedale. “Quando i signori sono partiti – ha detto ancora Zoletto – la situazione in India non era cosi'” drammatica: “E’ precitata all’improvviso e noi abbiamo bloccato tutto. Le altre coppie sono rientrate o stanno rientrando perche’ nessuno e’ risultato positivo”.

Photo by Naveed Ahmed 

Servizio Precedente

Zangrillo: Covid, terapia più efficace è il medico di famiglia

Prossimo Servizio

De Luca, Salvini? Il più grande sfondatore di porte aperte

Ultime notizie su Cronaca