Conto alla rovescia per lockdown nazionale. L’ISS: epidemia sta peggiorando. Drastica riduzione contatti

Lettura 1 min

Suona campana a morto per le nostre libertà. I contagi non sembrano fermarsi. L’epidemia di Coronavurs in Italia è in rapido peggioramento. Lo conferma il monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore della Sanità appena diffuso. Il report della Cabina di regia numero 25 relativo al periodo 26 ottobre -1 novembre conferma che “l’epidemia in Italia è in rapido peggioramento”. Nella maggior parte del territorio nazionale “è compatibile con uno scenario di tipo 3 ma sono in aumento il numero di Regioni/PA in cui la velocità di trasmissione è già compatibile con uno scenario 4”. Ministero della Salute e Iss, nel consueto monitoraggio, confermano “una situazione complessivamente e diffusamente molto grave sull’intero territorio nazionale con criticità ormai evidenti in numerose Regioni/PA italiane”.

Si conferma che è necessaria una drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone in modo da alleggerire la pressione sui servizi sanitari. E’ fondamentale che la popolazione eviti tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie e di rimanere a casa il più possibile. 

La Lombardia con 2.08 è la regione con l’Rt più alto in base ai dati dell’ultimo monitoraggio Iss-Ministero della Salute. Dati relativi alla settimana 26 ottobre – 1 novembre 2020 (aggiornati al 7 novembre 2020). Seguono la Basilicata con 1.99, Piemonte con 1.97, Molise con 1.88. e Provincia autonoma di Bolzano 1.87. Tutte le altre regioni, comprese la Provincia autonoma di Trento, hanno Rt sopra ad 1.5, tranne la Sardegna (1.24), le Marche (1.29), il Lazio (1.36), la Sicilia (1.4). La Liguria è a 1.48.

Photo by Glen Carrie 

Default thumbnail
Servizio Precedente

Liguria, Toscana, Umbria, Basilicata diventano zona arancione. E martedì si decide per la Campania

Default thumbnail
Prossimo Servizio

Trump, salta il capo del Pentagono. E parte la battaglia legale su elezioni