Confesercenti Alessandria, il Pnrr sia utile ai servizi di prossimità

Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Alessandria e provincia riflettono, grazie ad una interessante iniziativa di Confesercenti, sul ruolo che il Pnrr deve avere nello sviluppo dei servizi e degli esercizi commerciali di prossimità.
L’agenzia Radiogold riporta un resoconto della conferenza.
Il Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza deve rilanciare le economie dei Paesi Europei ma anche quelle dei nostri territori. Ne è convinta Confesercenti, e la sua presidente nazionale Patrizia De Luise. Il vertice dell’associazione dei commercianti giovedì sera, a Palazzo Monferrato ad Alessandria, ha ricordato il valore delle attività di prossimità. Negozi, bar, ristoranti e tutti gli altri esercizi commerciali che troviamo “uscendo dal portone di casa” “servono e presidiano” le città, perché oltre a offrire importanti servizi tengono illuminate e pulite le nostre strade. L’Italia non può permettersi di perdere queste realtà commerciali, che devono essere inserire “a pieno titolo” nella “Rigenerazione Urbana” prevista dal Pnrr, ha esortato la presidente nazionale Confesercenti.


I servizi commerciali, del resto, non si rilanciano con “politiche settoriali”. Per riuscire a competere, e vincere, l’offerta non può basarsi solo “sul prezzo”, ma deve riuscire a integrarsi in un processo di rigenerazione urbana e territoriale. Per questo Confesercenti Alessandria giovedì sera ha voluto fare “il punto della situazione” con esperti, amministratori regionali e provinciali, Enti e Fondazioni, e la presidente nazionale Patrizia De Luise, durante il convegno “Pnrr e servizi di prossimità: integrazione con altre politiche e strumenti”. Un momento di confronto, hanno spiegato la Segretaria provinciale dell’associazione di categoria, Manuela Ulandi, e la presidente provinciale, Michela Mandrino, per capire come misure, strumenti e risorse a disposizione grazie al Pnrr possano integrarsi tra loro e avere ricadute positive nei territori.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

Servizio Precedente

Infermieri, le misure del governo non bastano

Prossimo Servizio

Una Pasqua massacrata dall’inflazione

Ultime notizie su Cronaca